Ancora un arresto per droga a Castelbuono

Forse ti piacerebbe leggere...

8 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Sarebbe corretto divulgare le generalità di questa “persona per bene”, in modo da essere emarginato dalla società.

  2. Altro Giuseppe ha detto:

    La legge sulla privacy danneggia le persone per bene e protegge i farabutti. Scommetto che il soggetto percepisce pure il reddito di cittadinanza

    • Andrea Lo Bue ha detto:

      Io obbligherei pure a metterci la faccia con nome e cognome per i identificare i commenti carichi di livore come lei in cui a prescindere si deve per forza associare i percettori del reddito di cittadinanza a elementi come quello cui sopra! Poi farei altrettanto con gli evasori fiscali o con quei datori di lavoro che non pagano contributi e tasse e danno solo lavoro in nero con paghe da fame. Scommetto che lei è proprio uno di questi! Si deve solo vergognare!!!

      • Altro Giuseppe ha detto:

        Il RDC dato a tutti indistintamente è sbagliato e non li dico solo io ma i più quotati analisti. Dovrebbero percepirlo solo chi non è più in condizione trovare un lavoro come gli ultracinquantenni o chi non può effettivamente lavorare perché afflitto da una grave patologia o disabile. Non divrebbero darlo a giovani forti ed in salute. Se questi 800€ mensili piuttosto che darli a me per restare a casa sul divano o al bar li danno ad un imprenditore per assumermi a 1.600€ al mese, sono più contento io che guadagno di più ed è più contento l’imprenditore che gli costo di meno. La nazione va avanti col lavoro che nobilita l’uomo non con l’ozio che è il padre di tutti i vizi! (droghe comprese)

        • Andrea Lo Bue ha detto:

          Lei e quelli come lei, rappresentate solo la parte abituata a ignorare la verità, capaci solo di ascoltare le falsità dei media. Lei non ha la minima idea di come era stato concepito il RdC. Misura boicottata in primis dalle Regioni che non hanno impiegato i fondi a disposizione per i centri dell’impiego.

          Il RdC dato “ai giovani forti” e in salute era inizialmente concepito per permettere anche a chi come me non fosse autonomo, di poterlo divenire, ove successivamente avesse ricevuto delle proposte di lavoro. Proposte che non sono mai venute, in primis per quanto ho scritto sopra, in secundis, perché i potenziali datori di lavoro non hanno mai inteso usufruire della possibilità di cercare un percettore tramite i centri dell’impiego (visto che molti cercano lavoratori/schiavi su facebook o altrove tranno nei centri dell’impiego).

          Lei inoltre non sa che quei soldi sarebbero andati all’imprenditore, che avrebbe avuto altri benefici e sgravi fiscali, il problema è che poi avrebbe dovuto assumerlo con un regolare contratto e lì sta il problema. Come le persone come lei sono il problema di questo paese perché complici di un sistema omertoso secondo cui si devono dare soldi a imprenditori (o meglio “prenditori”), gli stessi che poi vogliono lavoratori in nero, senza diritti e di quei soldi non ci pagano nemmeno le tasse. Quando lei conclude esaltando il suo pensiero disdicevole, secondo cui la nazione va avanti con il lavoro che nobilita l’uomo e non con l’ozio, in realtà penso che lei sia uno di quelli che vede il suo prossimo come una bestia da soma da sfruttare!

          P.S. In tutto ciò gli e lo dice un percettore del RdC, che oltre contattare personalmente i centri dell’impiego mi sono messo a pulire le strade del mio quartiere a Palermo. Ho 27 anni e non sto seduto sul divano. Grazie al RdC non sono stato un peso per i miei genitori durante la pandemia, che con la sola pensione di mio padre non avrebbe potuto sfamare la mia famiglia. Io sono andato a vivere da solo grazie al RdC che a breve perderò perché rientrando “tra gli occupabili” non ne avrò più diritto. Bene! Voglio vedere quando spunterà l’offerta di lavoro con regolare contratto che mi permetterà di non dover tornare a pesare sui miei genitori o dover accettare un lavoro sotto pagato in nero.

          Ma a lei cosa importa io sono solo uno dei tanti parassiti che presto non succhierà più il sangue come nullafacente. Peccato che il sangue gli lo continueranno a succhiarlo evasori, politici e affini corrotti a lei compiacenti.

      • Imprenditore ha detto:

        Gent.mo Andrea Lo Bue, le assicuro che è esattamente il contrario. Da qualche anno ho grossissime difficoltà a trovare dipendenti stagionali oppure ad extra perché io li voglio mettere in regola e loro pretendono di lavorare in nero perché percepiscono il reddito di cittadinanza.
        Scommetto che lei è un dipendente pubblico, quindi non può comprendere le dinamiche del mondo del lavoro, anche perché accecato dalla sua ideologia.

        • Andrea Lo Bue ha detto:

          Ma lei prima di scrivere ha letto il mio commento? Evidentemente no! Se lo rilegga e poi mi risponda a questa altra domanda. A quale centro dell’impiego si è rivolto per cercare le figure di cui lei necessità? Perché se può provare quanto lei sostiene questi percettori devono perdere il reddito. Su lo dimostri con prove e non solo a chiacchiere…

        • Imprenditore chi? ha detto:

          Signor “imprenditore”, fino a quando lei non mette il suo nome e cognome per me è uno che fa lavorare in nero a 20 euro al giorno i suoi dipendenti, vantandosi di pagare le tasse. Ammesso che ciò che dichiara abbia un fondo di verità vuol dire che le condizioni di lavoro offerte erano di sfruttamento. Se invece non è come dico io metta qui il suo telefono così tanti disoccupati possono chiamarla e avere messe in regola da favola e buste paga da nababbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.