Avviso Pubblico – Installazione antenne paraboliche su edifici in centro storico

Forse ti piacerebbe leggere...

16 Commenti

  1. a volo d'uccello ha detto:

    Classico esempio di firru darria a porta.
    Secondo voi, andranno a controllare?
    E dire che se si affacciano al terrazzo solo nel sarvaturi ne potranno ammmirare duemila.
    Ma gliele faranno rimuovere?
    Mai mai

  2. Domenico ha detto:

    Gira furria e vota u cani muzzica sempre o sfraddati….

  3. Pollon ha detto:

    Scusate burocrati paesani e non, volevo chiedere se dal momento che casa mia ha un unico prospetto che quindi io definisco non secondario e non dispongo di spazi pertinenziali interni cosa faccio? Rimuovo l’antenna e vengo a vedere la tv a casa vostra?? Sapete che la quasi totalità delle case del centro storico dispone di un unico affaccio? Ma nemmeno la tv possiamo più vedere adesso? Perché quando è stata offerta la possibilità di installare nel territorio di Castelbuono un ripetitore per il digitale terrestre l’’allora sindaco Cicero ha rifiutato? Non sarebbe stato meno impattante? Ho qualche dubbio infine sulla paternità di tale iniziativa, perché non citate il protocollo? Non è che si tratta di una vostra brillante idea?

  4. Canale 5 ha detto:

    Ma l’assessore Guarcello non può farsi promotore di una colletta cittadina per istallare antenne tv a pollina?
    Se non sbaglio argomento da tempo a lui molto caro!
    Ahi ahi, cunzumati siam!
    Sicuramente, manderanno i vigili a smontare tutte le parabole del paese.

  5. Legalità ha detto:

    Ci vuole un antenna virtuosa paese turistico però del comune che si è vorticosamente sopraelevato dopo il restauro la soprintendenza non si è accorta… Mah virtuose menti e virtuosi cittadini.

  6. Antonio2 ha detto:

    Questo provvedimento mi sembra giusto ed anzi è arrivato troppo tardi. Però, nel caso in cui si disponesse di un solo prospetto principale, si dovrebbe dare la possibilità di ovviare allo spostamento di questi apparecchi tecnologici con il loro camuffamento. Per esempio le parabole si potrebbero dipingere color ferro antico nel caso in cui si trovassero nelle inferriate dei balconi o di color rosso se sul tetto. O sostituirle con nuove presenti in commercio già con queste colorazioni o anche in plastica trasparente. I climatizzatori si potrebbero incassare sulle mura e coprire con una griglia di legno o coprire solo con la griglia… Insomma si dovrebbero considerare soluzioni perché questi apparecchi ormai indispensabili siano il meno possibile un “pugno nell’occhio”.

  7. Antonio ha detto:

    Io non toglierei un bel niente a castelbuono non si vedono le reti Mediaset da oltre 20 anni….? E ora vogliono far smontare pure le parabole

    • Teletubbies ha detto:

      Non le hanno fatte vedere apposta perché erano di proprietà del nemico, lo sappiamo tutti come è andata la storia! E cosa dire della mancata installazione delle antenne per i telefoni cellulari? Si potrebbe scrivere una commedia, i personaggi sono sempre gli stessi da 25 anni, anzi una tragedia!

  8. Teletubbies2 ha detto:

    … e poi cercano la diretta streaming da Comune. Bhooo

  9. ma!! ha detto:

    paese turistico significa dare anche servizi ormai indispensabili quali ripetitori cellulare e televisivi
    ma lo sappiamo tutti bene di chi e’ stata la colpa per il digitale terrestre e dei ripetitori x cellulari
    i turisti non vengono a castelbuono per isolarsi dal resto del mondo anzi scappano vengono una volta e basta
    sindaco come ormai in tutte le citta le autorizzazioni alle installazioni dei ripetitori devono essere date mettiamo il turista in condizione di potere vedere mediaset e potere avere servizi cellulari decenti
    e non dite che c’è il wi-fi freee perche’ parlando chiaramente fa cagareeeeeeee

  10. ahahahah ha detto:

    intanto diano il buon esempio e tolgano le antenne da tutti gli edifici pubblixi e storici vedi comune vedi castello dei ventimiglia vedi carcere piazza margherita vedi campanile s. antonino ecccc.
    la lista e lunghissima
    e poi forse noi cittadini seguiremo il loro esempio

  11. Alex ha detto:

    E la spazzatura nella centralissima via s.anna casa Vigliante ….non la vede nessuno?

  12. G. Abbate ha detto:

    La circolare emanata dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’ ” Identità Siciliana” è il classico ” ferro dietro la porta”. Per occhio di popolo bisognava farla ed è stata fatta. Nessuno dopo si preoccuperà di farla applicare . Certo un po’ più di raziocinio e giudizio quando si installano parabole e condizionatori non guasterebbe. Fra le cose brutte, specie nel centro storico , e che si stanno diffondendo in modo abnorme, ci vogliamo mettere anche quelle orrende tende di plastica bianca che nelle stagioni piovose servono a coprire i panni stesi e che poi restano esse stesse stese perennemente ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.