Bivio Mongerrati. Un turista tedesco intrappolato nella frana: “Mai più in Italia!”

Forse ti piacerebbe leggere...

8 Commenti

  1. Ivan Schimmenti ha detto:

    Ed io rispondo al turista tedesco: “Mai più in Germania”. Non è ammissibile viaggiare a 160 km/h orari in autostrada; Non è accettabile non trovare una strada dissestata come le nostre; Non è concepibile che una eventuale frana venga messa in sicurezza nel giro di tre/cinque giorni; Ma dico io, Che paese è mai questo dove tutto si risolve in fretta?? Quindi ribadisco MAI MAI MAI più in Germania.

  2. bastiano ha detto:

    Per intrappolarsi così bisogna essere almeno distratti, per non dire una parolaccia.

  3. Antonio ha detto:

    ha ragione il turista.
    la strada andava chiusa altraffico, invece si è fatto finta di niente

    “a cu avi danni a cuntu sua” diceva il banditore prima della corsa dei cavalli del Crocifisso

    ha ragione, ragione da vendere

  4. Giuseppe ha detto:

    La strada è chiusa al traffico. Chi ci transita, oltre a commettere un’infrazione, è responsabile dei rischi.

  5. Franco ha detto:

    ma in Germania i segnali di divieto sono diversi? da dove viene viene il segnale è lo stesso… va va…

  6. Antonio ha detto:

    mah…chiusa al traffico all’Italiana, o meglio alla siciliana.
    concetti come la strada è ufficialmente chiusa ma se vuoi provare a tuo rischio sono sconosciuti ai cittadini extra siciliani ed extra Italiani

    se si chiude ci sevono essere EVIDENTI SEGNALI E LE TRANSENNE SULLA CARREGGIATA A IMPEDIRE IL TRANSITO

    • Ivan Schimmenti ha detto:

      Antonio, se parliamo della PESSIMA situazione delle nostre strade e dei NOSTRI concetti di divieti allora hai pianamente ragione.. ma se parliamo del turista, beh, come minimo bisognava fargli l’alcool-test. L’auto è trasversale rispetto la carreggiata, quindi il suo è stato un tentativo di manovra.. e con tutto il rispetto, UN SCALUNI DI ‘SSA PURTATA si vedee come..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.