Castelbuono Ambiente, il report di giugno. Finora prodotto un utile di circa 60mila euro

Forse ti piacerebbe leggere...

6 Commenti

  1. Andromeda ha detto:

    Non posso che fare i complimenti alla Castelbuono Ambiente.
    Non vorrei peró che le migliaia di chili di rifuti che mancano all’ appello non siano quelli delle centinaia di piccole discariche ai lati delle strade, nei canaloni, nelle campagne.
    Nulla è stato fatto per la soluzione di questo problema.
    E’ tempo di affrontare in modo organico ed efficace il problema della creazione di luoghi di raccolta gestiti fuori dal paese.
    La mia è una esortazione a far bene.
    Potrete pubblicare che fate il 100% di raccolta differenziata, ma fino a quando vedremo i rifiuti per strada l’ immagine sará sempre la stessa e il Vostro lavoro inutile.
    L’ immagine, e mi duole il cuore a dirlo, è che Castelbuono è sporca.

  2. Giuseppe ha detto:

    Castelbuono non è sporca, sono sporchi i castelbuonesi. Sono loro che abbandonano i rifiuti in giro, non credo che vengano dai comuni vicini o da Palermo a buttare l’immondizia per strada!
    Cominciano da bambini, buttando le carte delle figurine per terra appena fuori dall’edicola. Continuano da adolescenti a buttare le cicche delle sigarette e così via. E’ solo questione di maleducazione. Le città del Nord Europa sono più pulite, non perché la raccolta funziona meglio, è solo che gli abitanti non sporcano. Sono stati educati a non sporcare. Anche l’immigrato in una città del Nord Europa non sporca, perché anche se non è stato educato a farlo, ci pensa la polizia a multarlo. Provate a buttare una carta per terra a Zurigo, e vedrete che dopo la prima multa salata non lo rifarete più. Quindi per un paese pulito servono solo due cose: bisogna educare e bisogna sanzionare, altro che poesie!

  3. Michele ha detto:

    Non ho capito… fino all’11 giugno era colpa dell’amministrazione e oggi è invece colpa dei cittadini? Precisiamo anche che ai vertici di Castelbuono Ambiente c’è sempre la stessa persona che, già prima dell’11 giugno, aveva comunicato dei dati ugualmente incoraggianti e di grande merito. Solo che allora questo non era importante e soprattutto Tumminello non aveva alcun merito nè della Castelbuono Ambiente nè dei suoi vertici nè dei risultati. Quali risultati si diceva… i risultati sono quando si abbassano le tasse… aspettiamo ancora con ansia che ciò si verifichi, ieri come oggi. Allora era importante che i ragazzi “matti per la differenziata” non ritiravano i rifiuti, che facevano bella mostra di sè per le strade. Oggi invece la raccolta è ripresa e tutto procede per il meglio. Allora era importante che nelle contrade spuntavano sacchi di immondizia che oggi come d’incanto non ci sono più. Sicuramente quei vileggianti si saranno trasferiti. Ma perché i cittadini non capiscono queste cose?

    • ciccio ha detto:

      Ti consiglio di farti un giro lungo la statale per Isnello , l’inciviltà è colpa dei cittadini, le amministrazioni dovrebbero multurare chi infrange le leggi

  4. andromeda ha detto:

    Non appena si cerca di essere costruttivi ecco che insorgono i “contro tutti e contro tutto” per di più con la vista ancora appannata da rancori elettorali.
    Io non penso che noi cittadini castelbuonesi siamo sporchi come afferma “Giuseppe il Censore”, ma che occorra dare l’esempio e gli strumenti per innescare dei circoli virtuosi.
    Ad esempio qualcuno ha notato le capacità riproduttivo/aggregative dei sacchetti di immondizia? la sera ne vedi uno a terra e l’indomani è attorniato di almeno dieci suoi simili.
    Una cosa che potrebbe promuovere Castelbuono Ambiente è quella di dotare il Paese di Contenitori per la raccolta differenziata, nei condomìni, nelle vie ( come è stato fatto tempo fa per le compostiere, ma come è correntemente fatto in altre realtà) ed evitare la bruttura di vedere sacchetti per strada alla mercè di animali vari.
    Un’ altra cosa potrebbe essere quella di individuare zone di raccolta videocontrollate per i rifiuti provenienti dalle contrade.
    Siccome sono un positivista penso che un bambino che ha vicino un cestino di raccolta della spazzatura, piuttosto che buttare la carta della caramella per strada sia tentato a buttarla nel cestino.
    Se poi la tentazione non gli viene allora uno bello scappellotto non fa mai male.
    Ciau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.