Castelbuono: grave fermo e rapina ai danni del titolare della stazione di servizio Q8

14 Commenti

  1. Antonio2 ha detto:

    Che bastardi e vigliacchi.
    Tanta solidarietà al signor Sferruzza.

  2. Angela Pantano ha detto:

    sono esterrefatta, per quel che leggo é gravissimo. Mi auguro che al piú presto siano acciuffati e portati nel luogo che si meritano. Auguri al signor Sferruzza

  3. antonio ha detto:

    purtroppo le isole felici stanno terminando….. bisogna stare all’erta ad ogni angolo….e magari piu` sorgeglianza …

  4. Utente ha detto:

    Purtroppo la solidarietà non basta, è già il secondo episodio in pochi mesi e nessuno fa nulla perché si aumenti la vigilanza in paese. Può accadere a tutti, le poche forza dell’ordine fanno ciò che possono ma c’è seriamente bisogno di rinforzi e non dei tagli che il governo ci impone. Siamo cittadini solo quando dobbiamo pagare le tasse per il resto ci lasciano in balìa di furfanti e balordi. Viva l’Italia!

  5. Ultimo ha detto:

    Episodio gravissimo in pieno giorno e in pieno centro, oggi è solidarietà per il Signor Sferruzza, ma per evitare nuovi episodi bisogna scendere in piazza e chiedere più controlli, iniziamo a montare le telecamere iniziamo a programmare servizi notturni, ma la realtà pochi carabinieri, vigili urbani che a stento tengono la penna in mano, Da chi siamo difesi…….

  6. Antonio2 ha detto:

    Il problema principale è che se anche li prendessero, no gli farebbero niente. Al massimo una condanna di qualche anno da scontare ai domiciliari. Il messaggio dello Stato è: SE HAI TANTA SFACCIATAGGINE E BALDANZA, PUOI: RUBARE, AMMAZZARE, FREGARTENE DI TUTTE LE LEGGI PERCHÉ TANTO LA FARAI SEMPRE FRANCA.

  7. Daniela ha detto:

    Ma dove arriveremo mi chiedo proprio dove arriveremo! Credevamo di vivere in un’isola felice ed invece….Tanti auguroni al signor Sferruzza.

    • chivalà ha detto:

      Purtroppo l’isola felice esiste solo nelle favole, questo paese negli ultimi anni si è trasformato in peggio, cittadini poco tutelati. non ci si vuole rendere conto che la criminalità in questo paese è una realtà, togliete le fette di prosciutto dagli occhi.

  8. Giuseppe ha detto:

    Non siamo tutelati da nessuno. Dov’è lo Stato? In pugno ad un manipolo di parassiti che aspirano solamente a poltrone e stipendi. Qualsiasi delinquente si sente autorizzato a commettere crimini, tanto sa che in Italia non esiste certezza della pena. Le forze dell’ordine compiono quotidianamente il loro dovere con le scarsissime risorse a loro disposizione, rischiando magari la vita per acciuffare un delinquente per poi rivederlo in libertà dopo 24 ore grazie a questa magistratura ed a queste leggi. Ben vengano allora i Graziano Stacchio! La legge tanto protegge solo i fuorilegge.

  9. arturo genduso ha detto:

    Solidarietà ad un bravo e corretto imprenditore di Castelbuono diventato bersaglio della malavita. Sembrerebbe quasi, per la crudeltà con cui si accaniscono nei suoi confronti, ci sia una volontà mafiosa che voglia scoraggiare i bravi imprenditori locali!!

  10. velvet ha detto:

    Se lo stato tutela i papponi politici, il povero cittadino rimane indifeso.
    Meglio un giorno da Graziano Stacchio, che 100 da vittima !!!!

  11. Antonio2 ha detto:

    A Castelbuono si fanno convegni e discussioni su tutto, quando si farà un vertice sulla sicurezza a Castelbuono? I primo cittadino che ha intenzione di fare? O devono scendere in piazza i castelbuonesi?

  12. Ultimo ha detto:

    Al nord la notte girano le guardie giurate per vigilare nei centri storici e periferie, forse dobbiamo autotassarci per avere più sicurezza, io spero solo che qualcuno sia riuscito a vedere gli aggressori, come ripeto in pieno giorno in pieno centro, e a due passi dai Carabinieri e Vigili urbani , se qualcuno ha notato persone estranea o qualsiasi movimento, lo riferisca alle autorità, questa è la vera solidarietà, che bisogna esprimere.

  13. alex ha detto:

    Dispiaciuto per l’accaduto. Auguroni al sign. Sferruzza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.