Castelbuono: l’Amministrazione comunale acquista impianto di amplificazione e altre attrezzature audio

10 Commenti

  1. Antonio ha detto:

    Si avvicina carnevale e si preparano per far sentire meglio la musica e ballare nu cammaruni,

  2. Casse & Cassate ha detto:

    E magari u sbagnami cu Astrattiva

  3. Disgustato ha detto:

    Non capisco
    L’amministrazione comunale non ha un amplificazione decente … apriti cielo polemiche
    L’amministrazione comunale compra l’amplificazione … polemiche ed apriti cielo

    Ecc ecc ecc

    Sindaco si dimetta questo paese non la merita! Qualsiasi cosa lei farà sara sempre oggetto di polemiche sterile, ascolti un consiglio da parte di chi come me non conosce la politica ma si limita a guardare, faccia come il resto dei suoi colleghi… NON FACCIA NULLA… almeno le polemiche avranno un senso

  4. Premesso che il Comune è per definizione l'ente locale chiamato a promuovere lo sviluppo sociale ed economico della comunità rappresentata ha detto:

    è per far sentire le castronerie anche oltre Fiumara dove non li conosce nessuno

  5. BASSOPARLANTE ha detto:

    Sarebbe stato importante specificare meglio in quali occasioni esterne la strumentazione potrebbe essere utilizzata è DA CHI. Perché penso che per i fini istituzionali non sia necessario. A meno che non volete vogliono togliere il servizio a Emilio e bandizzare.

  6. Pensa Bene! ha detto:

    E IO PAGO!!! E IO PAGO!!, Spreco di soldi pubblici, acquisto impianto audio con incassi di multe, Imu, tari, etc…di tasca nostra!.
    Adesso mi trovo costretto a chiamare LE IENE.

  7. Spese pazze ha detto:

    Ma stiamo scherzando? Amplificazione, totem, telecamere, gazebo, il motore nuovo per la BMW e chi più ne ha più ne metta. Il Sindaco Tumminello ha trovato le casse vuote e non poteva neppure acquistare la carta igienica per le scuole. Ha risanato le casse e creato un tesoretto con la vendita dei capannoni. Di questo passo il prossimo sindaco non troverà un centesimo, a meno che…
    A meno che non intervenga la Corte dei Conti che chiederà conto di queste spese folli prima che sia troppo tardi

  8. Canarino ha detto:

    Il disegno che si sta delineando:

    1. Affitto del cinema Astra, esplicato effettuandone le spese di manutenzione. In attesa della disponibilità del cine teatro le fontanelle come sala festeggiamenti perché a quel punto fioriranno schiticchi come mandorli a primavera.
    2. Ridimensionamento di enti e persone con voce non conforme al pensiero unico, come la Pro Loco. Per dissimulare ogni tanto, come oggi, indignazione per “l’era dell’uomo solo al comando”, critica che vuole affermare che a Castelbuono non sia così.
    3. Acquisto di beni che possono creare allettanti prospettive per i prossimi anni: totem multimediali (che richiedono costante manutenzione e aggiornamento). Apparati di amplificazione che richiederanno tecnici in grado di dispiegarli e palco modulare che richiederà operai in grado di montarlo e smontarlo ogni volta, dovendosi poi valutate, in entrambi i casi, se il solo dispiegamento non costi più del semplice affitto senza onere di acquisto.

    Un quesito per tutti, non troppo difficile: chi riesce ad immaginare per primo i prossimi passi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.