Consulte madonite: una fiaccolata per fermare lo spopolamento dei paesi

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. Ho scelto di andare ha detto:

    Le Madonie la Sicilia si sta spopolando chiedetevi semplicemente perché,non è così difficile capire ,come può una terra crescere progredire cambiare scusate la presunzione cerco di suggerirvi piccola analisi;
    La Sicilia e una terra sporca la politica la nostra cultura non ama la bellezza semplicemente fa comodo così.
    Guardate i sindaci parliamo delle Madonie gente che sta lì da 30 anni e se non riesce ad essere sindaco si piazza in strutture sovracomunale sempre gli stessi del cerchio magico .Quanta innovazione esiste quanto i giovani vengono coinvolti ad incominciare a cambiare passo quanto si ribellano le consulte a questo stato di cose.0 e pua 0 e arria 0
    Organizzare una fiaccolata mi fa semplicemente sorridere .Piango x te mie care Madonie mia cara Sicilia Questa politica e solamente brava a creare ” carrozzoni”il parco delle Madonie istituito nel 1989 non è riuscito manco a creare ,curare valorizzare i sentieri stiamo state solo giocando.Fatela la fiaccolata a Petralia e freddo portatevi il vino vi può servire e se non riuscite ad incazzarvi fatevi la valigia e ci tornate in vacanza.Scusate lo sfogo ,un ultima cosa a piano Battaglia non so apriranno gli impianti stanno spendendo milioni di euro x creare il niente fino a quando il ragionamento Sara abbiamo ottenuto i finanziamenti sarà sempre il mondo del nulla.Scusatemi ancora …vi voglio bene

  2. Pessimista ha detto:

    Lo spopolamento è la prova tangibile del fallimento del parco, del gal, della sosvima, ecc.
    Inutili carrozzoni guidati sempre dagli stessi personaggi che si riciclano ma restano sempre gli stessi. Stessi presidenti, stessi sindaci. È come un organismo che si nutre di se stesso. Non abbiamo speranza. Forse fra 100 anni, quando loro non ci saranno più, a meno che non lascino le loro cariche in eredità ai loro figli. Fiaccolate inutili e ridicole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.