Costituente, “uso privato di un bene pubblico: l’Eremo di Liccia di nuovo al centro dell’attenzione”

Forse ti piacerebbe leggere...

10 Commenti

  1. Francesco ha detto:

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Siamo alle solite! Uno schiaffo in faccia a chi spende i propri soldi e la propria fatica e risorse per aprire un b&b, un ristorante o un bar in paese. Del resto anche la loro pagina facebook parla chiaro su come è identificato l’eremo da questa gestione! https://ibb.co/Jx6SWKW un bar nient’altro che un bar in più tra i pochissimi in paese… ma ben vi sta, lo avete votato e ora ve lo tenete…

    • Giuseppe ha detto:

      ben vi sta, eccome! e guai a parlare, perchè in paese ci conosciamo tutti. e pazienza se chi abita a Sleonardo non ha più fermata SAIS. comunque per l’eremo di liccia è da approfondire, perché mi pare di ricordare che ci vogliono un po’ di licenze per esercire quelle attività, de facto è una locanda con somministrazione se non erro (si beve e si può mangiare) non so quanto sia classificabile come B&B.

  2. Vincenzo Spallino ha detto:

    Qualcuno dovrebbe anche consigliare a booking di verificare autorizzazioni, comunicazioni e licenze di tutte le strutture pubblicizzate (pubbliche e private) nel rispetto di chi le regole le rispetta senza distinzione di pubblico o privato. Ovviamente il pubblico deve dare il buon esempio e il privato non è politicamente (convenientemente) attaccabile…. ma io non sono Don Chisciotte.

    • Stiamo sul tema ha detto:

      Solito discorso “benaltrista” per allargare lo spettro. A verificare se un operatore su Booking può operare o meno ci pensa l’agenzia delle entrate e la finanza. Come avviene per i falsi dentisti. In quel caso il problema è essere abusivi. Qui non solo sono abusivi ma fanno attività con imprenditoriale (Ahaha) con i soldi pubblici e con beni pubblici, mentre dovrebbe fare I filantropi. Non mischiamo i piani della discussione per favore. Ben ha fatto la costituente a rilevare quanto accaduto! Amici che contano, conti che tornano e affari che crescono.

  3. Antonio ha detto:

    L’articolo 8 prevede anche delle sanzioni…!

  4. Qualunquista ha detto:

    Ovviamente tutti quelli che si definiscono “compagni” in questa amministrazione fanno gli struzzi, nascondono la testa sotto terra.
    Non parlano, lo sostengono come dei servitori ( accondiscendenti ) nella speranza che gli vengano dati qualche contentino ( magari una candidatura, qualche sistemazione a qualche ente sovracomunale o a qualche nuova istituzione inventata sul momento ).

  5. La Verità ha detto:

    Gli elettori questo hanno voluto. Ora tutti zitti e muti. E se sanzioni ci saranno si troverà di nuovo il sistema per non pagarle. Con buona pace per la Costituente.

  6. Alonso ha detto:

    Al solito l’avete voluto … tenetevelo per altri 5 anni

  7. Giuseppe ha detto:

    Peccato che l’ente sanzionatore è lo stesso che da 25 euro a notte quando ha scritto che la tariffa è 15 euro. Questa è concorrenza sleale e basta. Gli altri che ci mettono i soldi per aprire un BeB che sono più fessi?

  8. La Verità ha detto:

    Si, infatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.