Domenica 27 giugno comizio del sindaco Cicero

Forse ti piacerebbe leggere...

16 Commenti

  1. Pino ha detto:

    Detto che proprio non non abbiamo sentito la mancanza delle performances comiziali di Cicero, tutt’altro, ci sorprende che fra i temi in programma non compaia una analisi accurata della questione Usa-Cina, dell’uscita della NATO dall’Afghanistan, e dall’assetto politico della Libia. Ma siamo confidenti che affronterà anche questi temi, vista la competenza in materia del sunnominato Cicero.

  2. Liet Motiv ha detto:

    Ovviamente……

    “U putiari nzocch’avi vannia!”

    P.S. Guarda caso a ridosso della prima uscita della “Costituente per Castelbuono”

  3. Giuseppe ha detto:

    il soggetto è un “animale politico” scaltro, molto scaltro. sulla scaltrezza ha fondato la sua carriera, più che sulla preparazione amministrativa. In ogni caso, comunque, sarà un comizio dove celebrerà il suo mandato consolare, proponendosi per un secondo mandato. Come mi disse anni fa, lui ammirava quelli che erano in grado di parlare alla pancia della gente, a cominciare da Bossi & c. a finire a Brunetta. E’ stato un antesignano del populismo in politica, prima della valanga dei cinque stelle, ora in implosione. Lui scoprì dai talk show degli anni ’90 prima il giustizialismo, poi quel modo di trasmettere un messaggio in un linguaggio “da bar”. Capì che la minoranza dei cittadini “intellettuale” che in buona parte aveva assurto il ruolo di classe dirigente si era fatta da parte. Capì che il popolo non voleva sentirne più cose complicate, che la scuola era stata declassata da riforme atte a creare non cittadini pensanti, ma massa manipolabile. E imparò a usare quegli strumenti, insieme alla scaltrezza commerciale genetica. io purtroppo penso che se non emergerà un candidato unitario di spessore, ce lo terremo un altro lustro

  4. Grazzie, Castelbuono ha detto:

    Intanto questa mossa denota che l’uomo che si ritiene scaltro è preoccupato, molto preoccupato.
    E forse vuole dire nel suo linguaggio in codice: attenzione a prescindere da quello che dite dopo parlo io e ce n’è per tutti.
    Come quando erutta il Vesuvio. La cosa bella è che ancora qualcuno che va dietro a uno del genere.

  5. Mario ha detto:

    Ci farà promesse che come al solito che non manterrà come ha fatto in questi 5 anni buttando fumo negli occhi con lavoretti inutili che hanno provocato più disagio che altro. Intitolerà altre sale e se non ci sono sale gabinetti pubblici a chiunque… Nel frattempo l’illuminazione a led che ci avrebbe fatto risparmiare tanti soldi, la rete idrica che è un colabrodo e la famosa frana di via tenente Ernesto forti rimarranno promesse per la prossima campagna elettorale

  6. Sciocco ha detto:

    E come al solito ci saremo tanti sciocchi che gli crederemo e gli batteremo pure le mani.
    Il problema non è quello che dice (ognuno è padrone di raccontare tutte le sciocchezze che vuole), il problema è chi gli crede.

  7. Bagnante ha detto:

    Che tempistica, subito dopo l’incontro della Costituente con i cittadini.
    Ma scusate, avete intenzione di rovinarci l’estate a suon di comizi?
    Ma ancora non l’avete capito che avete stufato e che non interessate più a nessuno?
    Bene, allore lo capirete stasera dalla partecipazione del pubblico. Fatemi sapere domani quanti erano presenti. Io potrò contare invece quanti saremo al mare.

  8. Curiosi ha detto:

    C’era tanta gente? C’è ancora qualcuno che ha voglia di ascoltarlo? Fateci sapere

  9. Striscia la notizia ha detto:

    Il sindaco ha parlato del riscaldamento globale, della viabilità interna della Sicilia, delle scie chimiche, della striscia di Gaza, della variante delta del covid, del tonno andato a male, della situazione dei lavoratori nello stabilimento della Converse All Star in Vietnam, della questione dei pescatori mazaresi nel canale di Sicilia e del fatto che il south working (ma lui non ha detto così) è importante perché i ragazzi mangiano a Castelbuono e comprano la carta igienica a Castelbuono (ma che cazzo gli devono fare i premi Nobel per l’economia?????). Spettatori: al netto di chi era seduto al bar e si sentiva disturbato dai discorsi di questo esagitato erano pressappoco quanto i bugigattoli che ha intitolato a San Francesco.
    Da Piazza Margherita è tutto a voi studio.

    • Abbi dubbi ha detto:

      Forse finalmente l’ha capito che non lo vuole più sentire nessuno. O forse no?
      Io comunque mi vergognerei a parlare ad un auditorium così sparuto, Cetto Laqualunqe gli fa un baffo

  10. libri al rogo ha detto:

    U passaggio che ieri mi ha colpito in negativo, cito alla lettera ciò che ha detto:
    “cultura rubata sui libri”…

    • Toto' ha detto:

      E che voleva dire? E ancora lo state ad ascoltare? Ma mi faccia il piacere!

    • Giuseppe ha detto:

      e’ evidente, La vera cultura da comunista di stradale 113 con il camion è infatti quella che si apprende ai TAVULINA e con i CUDDRIRI FRITTI, quella è la scuola della vita intesa nella sua accezione dal soggetto

  11. Il sindaco con gli stivali ha detto:

    Ecco siamo alle solite. Subito a lamentarsi perchè ha detto cultura rubata sui libri…
    Ma che c’è di male? Ma perché si fanno sterili polemiche? Si stava riferendo ai i laureati dei Democratici in consiglio, a quelli della sua giunta, del coordinamento dei Democratici e tutti i laureati delle istituzioni culturali nominati da lui:

    Mazzola Anna Maria, Prestianni Andrea, Puccia Angelo

    Mogavero Giorgio, Prestianni Rosario, Scerrino Silvia

    Cucco Vincenzo, Puccia Michele, Puccia Marienza, Vignieri Arcangela

    Fiasconaro Concetta, Ippolito Vincenzo, La Franca Vincenzo, Meli Mario, Sferruzza Lorena

    Leone Salvino, Schicchi Rosario, Toscano Francesco, Venturella Giuseppe

    Cancila Rosanna, Ciolino Antonio.

    Questi signori gli devono chiedere cosa intenda il sindaco con gli stivali per CULTURA RUBATA SUI LIBRI

    • Il sindaco con gli stivali ha detto:

      Avete notato che mancano dei nomi. In realtà alcuni si fregiano del titolo di “dottore” senza esserlo e quindi non andavano inseriti.
      Poi manca la direttrice del museo civico Laura Barreca che non ho inserito apposta per invitarla, dall’alto della sua cultura rubata sui libri, a chiedere al “signor” sindaco con gli stivali se non si vergogna a parlare in questi termini delle persone che ha chiamato al suo fianco.

  12. libraio ha detto:

    Rigorosamente in ordine alfabetico, bravo!! Adesso restiamo in trepidante attesa di una interpretazione autentica del “pensiero” espresso da Cicero in merito alla “cultura rubata sui libri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.