Dopo i lavori del rifacimento del Viale Castello Vincenzo Allegra contesta la presenza ancora di buche

Forse ti piacerebbe leggere...

3 Commenti

  1. Toto ha detto:

    La verita è che nessuno controlla e nessuno vede niente. Il marciapoede sembra um muro e se cade qualcuno saranno problemi seri per il comune Ma le buche non lo vedete, mettetevi gli occhiali . Una volta con i nostri artigiani questo non sarebbe successo.

  2. Terzamediaserale ha detto:

    Si da la colpa all’amministrazione, ma compito di seguire i lavori è dell’ufficio tecnico che ahimè…………..

  3. Cittadino schifato !! ha detto:

    Ma questi dove vivono e dove hanno studiato alla Bocconi ?
    I marciapiedi costituiscono la rete di connessione della mobilità pedonale negli spazi urbani. La loro corretta realizzazione è innanzitutto una condizione imprescindibile per dare ai cittadini/pedoni la possibilità di muoversi agevolmente. Per questo è necessario che siano progettati in modo da realizzare un percorso continuo con idonee dimensioni e requisiti e che tengano in debita considerazione il transito veicolare, per ovvi motivi di sicurezza.
    Le prescrizioni sulle caratteristiche relative alla accessibilità dei marciapiedi (più estesamente dei percorsi) sono contenute nel DM 236/89, in applicazione del DPR 503/96 – da raccordare con il Codice della Strada e le norme tecniche di settore – e riguardano sia le persone che hanno difficoltà di movimento (in particolare chi utilizza la sedia a ruote) che coloro che hanno problemi di comunicazione ed orientamento (agli artt.4.2.1, 4.2.2, 4.2.3, 8.2.1, 82.2, 8.2.3.). I marciapiedi devono avere questi requisiti di accessibilità per essere utilizzati da tutti. Attenzione costante deve essere rivolta, anche, alla loro “gestione”. Ma ora.che fanno corrono ai ripari, che delusione che schifo
    I marciapiedi costituiscono la rete di connessione della mobilità pedonale negli spazi urbani. La loro corretta realizzazione è innanzitutto una condizione imprescindibile per dare ai cittadini/pedoni la possibilità di muoversi agevolmente. Per questo è necessario che siano progettati in modo da realizzare un percorso continuo con idonee dimensioni e requisiti e che tengano in debita considerazione il transito veicolare, per ovvi motivi di sicurezza.
    Le prescrizioni sulle caratteristiche relative alla accessibilità dei marciapiedi (più estesamente dei percorsi) sono contenute nel DM 236/89, in applicazione del DPR 503/96 – da raccordare con il Codice della Strada e le norme tecniche di settore – e riguardano sia le persone che hanno difficoltà di movimento (in particolare chi utilizza la sedia a ruote) che coloro che hanno problemi di comunicazione ed orientamento (agli artt.4.2.1, 4.2.2, 4.2.3, 8.2.1, 82.2, 8.2.3.). I marciapiedi devono avere questi requisiti di accessibilità per essere utilizzati da tutti. Attenzione costante deve essere rivolta, anche, alla loro “gestione”. Fanno solo parrari e tabaccheri i ligni Che delusione che caduta libera, cose da scherzi a parte. Ormai veramente il mondo ci quarda…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.