Dopo il cedimento di alcuni piloni lo scorso aprile, inaugurata la bretella sull’A19

Forse ti piacerebbe leggere...

6 Commenti

  1. Filippo Botta ha detto:

    Essere contenti perché siamo in sicilia mi sembra ridicolo. Al nord una bretella di questo genere sarebbe stata aperta massimo in due mesi. La sicilia è stata spaccata in due parti. I cinque stelle hanno dato una lezione di vita al governo riuscendo nell’impresa in molto meno e con fondi propri!!!

    • Giuseppe ha detto:

      al Nord ci sta un sistema che funziona, con i suoi problemi ma funziona
      è la testa la differenza. il modo di pensare

  2. utente ha detto:

    Dopo la batosta e lo smacco dei cinque stelle che hanno dimostrato di essere più veloci ed efficienti di qualsiasi governo succedutosi in Sicilia la montagna ha partorito il topolino.
    Oggi sfilata dei soliti noti, buoni soli a mostrasi davanti alle telecamere ( e a percepire indennità da capogiro). Per la ricostruzione del viadotto si prevedono anni di lavoro (si parla di 2018 ma personalmente ho i mie dubbi che si possa rispettare tale data) e lungaggini inenarrabili mentre la sicilia sprofonda sempre più nel baratro della crisi. Continuano a trattarci come cittadini di serie c, ricordandosi di noi solo al momento delle elezioni. Spero solo che chiunque abbia seguito la vicenda si ricordi di quanto successo nei mesi passati e dia una risposta con la matita copiativa mandando a casa i renzusconiani, i crociati e tutti gli altri inefficienti a qualsiasi livello.

  3. IvanoG ha detto:

    8 mesi per realizzare una bretella…e hanno pure il coraggio di presentarsi all’inaugurazione.

  4. antonio ha detto:

    ma se le opere pubbliche in sicilia sono mediocri per non dire pessime la colpa di chi è?
    dei marziani?
    i soldi chi “se li mangia”?

  5. Antonio2 ha detto:

    Basta leggere quest’articolo per capire la nostra mentalità di “metti tiampu” e…

    “Giappone: sei giorni dopo la scossa
    già ricostruita un’autostrada (Terremoto di Fukushima 2011)”.

    http://www.corriere.it/esteri/11_marzo_25/Il-Giappone-della-rinascita-Sei-giorni-dopo-la-scossa-gia-ricostruita-un-autostrada_676ea27e-56a8-11e0-847d-b307f7e234b2.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.