Droga, due giovani in manette a Cefalù: sfrecciavano a tutta velocità con hashish, marjuana e cocaina a bordo

Forse ti piacerebbe leggere...

4 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Mamma mia che grave pena che è stata comminata ai due. Stanno ancora tremando per la paura. Ma fatemi il piacere, sbatteteli dentro e buttate le chiavi!

  2. MIMMO ha detto:

    a mio modesto modo di vedere ,con questi atteggiamenti troppo PATERNALISTICI di fronte a SEMINATORI DI MORTE come questi 2 BALORDI ,DOPO TUTTO QUELLO CHE HANNO COMBINATO,ho la vaga impressione che il problema dello spaccio do sostanze stupefacenti non si risolverà mai ,e saremo sempre a discutere ,delle cause-concause non percependo assolutamente il fatto che individui del genere sono semplicemente dei DELINQUENTI,e come tali devono essere considerati ,trattati e condannati!!!! altro che pietà !!!e SOPRATUTTO,CHI NON LEGIFERA CONTRO QUESTI CRIMINI CON FERMEZZA ED INNALZAMENTO DI PENA,NON SONO ALTRO CHE COMPLICI DI QUESTI CRIMINALI,!! e di tutto ciò dovrebbero VERGOGNARSI !!! di qualsiasi colore politico essi siano !!!.

  3. Antonio2 ha detto:

    Ad Alfano e compagnia “bella” per ora interessa solo cercare di fermare il raddoppio dei tempi di prescrizione dei processi e la responsabilità civile dei giudici per proteggere la politica marcia, mica interessa che i delinquenti rimangano in galera. Mica interessa costruire dei nuovi carceri o far funzionare la giustizia in generale.

  4. Antonio2 ha detto:

    I delinquenti non vanno in carcere perché quest’ultimi sono strapieni di detenuti e i politici, marci e corrotti, non vogliono costruirne di nuovi perché in tal caso i primi ad entrarci sarebbero proprio loro. Per cui, la “soluzione” che da la politica per non far esplodere gli istituti di pena, è quella di: depenalizzare, amnistiare,… Ma in campagna elettorale le promesse sono sempre le stesse: “PIU’ SICUREZZA, CERTEZZA DELLA PENA, PROCESSI BREVI E GIUSTI,….”. Tutte baggianate da dare in pasto agli elettori per farsi votare. E’ una vergogna senza fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.