Ente Parco : Al via la campagna di crowdfunding per aiutare il Parco delle Madonie

Forse ti piacerebbe leggere...

4 Commenti

  1. Parco che noia ha detto:

    Mi sarei aspettato ben altro da una Istituzione come l’ente Parco . Propongo 1) dare la possibilità a chi ne facesse richiesta di portare gli animali in altura , 2) i comuni non colpiti dagli incendi adottano aziende fuori dal proprio territorio , 3) il presidente farebbe bene a fare qualche azione immediata che abbia una ricaduta nel territorio ,4) si adopera per una programmazione che non sia la sacra di paese avallata dai tanti Sindaci presenti , 5)sarebbe bello che qualche amministratore condivida questa proposta o smentisca .

  2. Lino Mazzola ha detto:

    Scusatemi , ma scrivere “raccolta di fondi” vi fa proprio impressione?
    O vi piace boicottare la lingua italiana?
    Non se ne può piú di questo inglese raccogliticcio.

  3. Massimo Genchi ha detto:

    Di solito, chi non ha niente da dire in lingua pensa di risultare più interessante farfugliando qualcosa in inglese.
    Infatti non si capisce bene a cosa servano questi fondi e che cosa si debba intendere esattamente con “aiutare il Parco delle Madpnie”. Invece, per aiutare i madoniti messi in ginocchio dagli effetti degli incendi dolosi, sarebbe il caso che i contributi più lauti venissero elargiti dal presidente Merlino, dal direttore, dai funzionari del Parco quindi dal presidente della Sosvima, dagli azionisti, dai componenti il CdA e poi dal presidente del GAL e dai relativi componenti, dai sindaci dei comuni del Parco, dagli assessori, dai presidenti dei vari consigli comunali. Dovrebbero essere loro i primi a dare l’esempio. Ma certamente lo avranno già fatto (come no!)

  4. Contadino ha detto:

    Visto che prendono stipendi a go go cominciate voi a versare almeno l’intero stipendio del mese di agosto a favore delle persone che hanno subito danni alle loro attività ,sarebbe un gesto d’amore per tutti i madoniti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.