Frana Tenente Ernesto Forte, non aspettiamo la tragedia

Forse ti piacerebbe leggere...

5 Commenti

  1. Vi dovevano cadere le mani ha detto:

    GRAZIE CASTELBUONO!!!!!!!!

  2. Il conte ha detto:

    Si cari arriva ritti ritti a casa di Maio RE tung. Si rompe il tubo di Pollina e finisci nuovamente come a frana di Liccia. Che se non si rompeva il tubo della rete idrica che era stato riparato poco prima non vi era nessuna frana. Ma siccome è un posto poco frequentato nessuno sa i lavori che si sono fatti e i tanti euro spesi per lavori inutili. Ma chisti è u paisi, e chisti si merita.

  3. paolo ha detto:

    Mi piacerebbe sentire dire al capo 1 una sola volta ho sbagliato.

  4. Nicolo Piro ha detto:

    Scrivo soltanto che è da irresponsabili tenere aperto quel rischio di smottamento che a causa della spinta esercitata dagli immobili darebbe luogo ad una reazione a catena. Poi c‘ è la spinta idraulica esercitata dal terrapieno a causa dell‘ infiltrazione nel suolo di immense quantità di acque meteoriche. Va ricordato che la spinta idraulica di terreni saturi d’acqua meteorica è più elevata della spinta di un terrapieno „secco“. Suggerirei di provvedere senza perdere tempo all‘ infissione di palanche in acciaio a valle della via pubblica, anticipata da un accurato congelamento del terrapieno. Ancora una volta: non c‘ è da perdere tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.