I risvolti “positivi” del COVID-19. La testimonianza dell’ex segretario comunale Rosario Bonomo

7 Commenti

  1. Nicolo ha detto:

    Sei stato dimesso come persona “negativa”.
    Constato con piacere che non sempre essere “negativo” è negativo!
    Bentornato a Castelbuono.

  2. Antonino Brancato ha detto:

    Ciao Rosario, felice di leggere le tue riflessioni che condivido in pieno. Approfitto di questo spazio per rinnovarti la mia partecipazione al tuo dolore per la scomparsa della mamma. Purtroppo le “regole” non ci hanno consentito di stare vicino fisicamente a te e alla tua famiglia. Un abbraccio.

  3. Santino leta ha detto:

    Conosco Rosario Bonomo praticamente da più di mezzo secolo. Conosco la sua formazione e preparazione professionale e conosco pure la sua statura morale quale uomo e quale padre di famiglia. Tutte queste peculiarità avranno riempito il serbatoio a cui avrà attinto per rigenerarsi nei momenti bui della sua malattia .Ma Rosario è anche e soprattutto un uomo di fede e la fede non abbandona mai nessuno. Ciò che ha scritto della sua difficile prova può essere testimonianza per quanti stanno lottando con questa terribile malattia. Auguri Rosario.

  4. rocco cicero ha detto:

    Ciao Rosario, contento della tua guarigione e approfitto per inviarti un augurio di buone feste. Ti abbraccio.

  5. Claudia Di Giorgi ha detto:

    Bentornato a casa!
    Mi ha fatto tanto piacere leggere la Sua lettera.
    Un caro abbraccio a Lei ed alla Sua famiglia.

  6. Carmelo Mazzola ha detto:

    Bentornato, Rosario. Buone feste a Te e Famiglia.

  7. Cittadini ha detto:

    Siamo felicissimi per la Sua guarigione, il Suo è un messaggio di speranza per chi è ancora ammalato.
    Un pensiero lo vogliamo rivolgere pure a chi, purtroppo, non ce l’ha fatta e sono stati tanti pure qui a Castelbuono, malgrado qualcuno cerchi di nascondere la triste verità. Pur se è vero che i defunti avevano delle altre gravi patologie è stato il maledetto Covid19 a togliere il loro ultimo respiro. E non sono stati uno o due, come ci viene comunicato nei comizi online, ma molti di più. Ci auguriamo che anche le autorità locali rendano omaggio a questi defunti e ci dicano finalmente la verità, come correttamente hanno fatto i sindaci sinceri, onesti e leali dei paesi vicinori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.