Il nuovo gruppo dirigente dei Democratici per Castelbuono: “costruire un’alleanza con il paese per il presente e il futuro”

9 Commenti

  1. Giovane Italia ha detto:

    Ma il candidato sindaco continuerà ad utilizzare l’appellativo “Compagni” anche con questi eletti?

  2. uno dei dodici ha detto:

    ci sono più eletti che presenti. E vvai.
    Comunque la lingua italiana è sempre di casa

  3. Futticumpagnu ha detto:

    “…senza restare ostaggi di schemi ed equilibrismi politici, attività nelle quali sono impegnati altri”.
    Impegnati gli altri? E quello che avete fatto 4 anni fa se non era equilibrismo cos’era? Galleggiamento a tutti i costi?

  4. Indovina indovinello ha detto:

    Il militante Collesano contrasta chi fa politica e si unisce a tutti i costi “contro” qualcuno, e non “per” qualcosa. Giusto. In effetti lui è schierato con l’attuale classe dirigente perché i suoi componenti sono tutti lì per qualcosa. Per cosa lo sappiamo tutti.

  5. Domanda ha detto:

    Ma che cosa ne pensano i democratici del post pubblicato dal loro leader poco fa?

  6. Ecco il sistema paese ha detto:

    Che quest’anno a differenza del 2017 minchia non ne trova

  7. Sindaco dell'Impiego ha detto:

    Io vorrei porre l’attenzione (anche qui) sul post del profilo privato del sindaco di Castelbuono che ho letto ieri (https://facebook.com/story.php?story_fbid=10222736898548425&id=1153364172).

    Un post in cui un rappresentante delle istituzioni per conto di un privato imprenditore si pone come tramite per la ricerca di varie figure lavorative disponibili.

    Il post si conclude con “Chi è interessato può rivolgersi a me.”

    Premetto che sinceramente penso sia stato pubblicato forse con buone intenzioni e con tanta ma tanta ingenuità! Tranne che come recita una famosa frase “a pensar male si fa peccato, ma a volte si ci azzecca!”

    E di fatti molto dei commenti a difesa dell’iniziativa del sindaco adducevano che non vi fosse nulla di male! Che i commenti fossero sterili e prevenuti.

    Ma mi chiedo e vi chiedo, al netto di tutto, a un anno dalle prossime elezioni, qualora il sottoscritto si rivolgesse al sindaco per arrivare ad ottenere un posto di lavoro, poi bisognerebbe conoscere le condizioni lavorative ma sarebbe lo step successivo), ma ammesso che grazie all’intercessione del sindaco io riesca ad ottenere il posto di lavoro (sempre che gli stia simpatico) oggi domani a chi dovrei essere grato?

    Non voglio insinuare nulla, e sono certo che il post è sintomo solo di ingenuità e non c’è nessun intento a trarne vantaggio! Ma mi chiedo e vi chiedo nuovamente, a prescindere dal fatto che un sindaco possa avere il polso della situazione, non credete che in questo caso o se avesse voluto il sindaco avrebbe dovuto maggiore discrezione o indirizzare “il presunto imprenditore” a rivolgersi ai canali ufficiali come i centri dell’impiego o le camere del lavoro?

    Queste domande le vorrei porre a tutti coloro che nei commenti hanno minimizzato quella che a mio avviso si intravede come una grave ingenuità (e mi auguro che sia ingenuità).

    E mi piacerebbe che a queste domande rispondessero i nuovi membri del direttivo dei Democratici per Castelbuono, se intravedono nel post del Sindaco ingenuità e mancato rispetto della prassi e dei ruoli istituzionali.

    Ovviamente dubito di ricevere risposta.

    Post Scriptum

    La scelta dell’anonimato può essere interpretato come sintomo di vigliaccheria, ma credo che visto il paradossale clima che stiamo vivendo molti comprenderanno che esistono metodi celati e non eclatanti per poter zittire chi vuole esprimere un pensiero differente dalla superficialità di chi definisce un pensiero critico frutto solo di arrivismo politico dei “nimici da cuntintizza”. Oramai tipico assunto di coloro che tentano di sminuire le critiche secondo cui il pensiero critico di fronte all’operato di questa amministrazione (spesso approssimativo) è pur sempre operato e non sono solo parole e aria fritta!

  8. PINO COLLESANO ha detto:

    giusto per risolvere l’indovinello ,COLLESANO ha ribadito in assemblea la propria appartenenza ideologica politica, di sinistra e con un modo di vedere pensare e operare per i piu’ deboli e i lavoratori .RIBADISCO CHE il mio modo di concepire la politica è dare servizi, vorrei RIBADIRE CHE NON SONO SCHIERATO CON L’attuale classe politica ,al quale attuale SINDACO 4 anni fa ho fatto campagna elettorale contro e che non ho votato,essendo schierato con un altro gruppo politico. non so e non mi interessa sapere gli interessi dell’attuale classe politica , e ribadisco che il mio intervento era mirato a ribadire che chi fa politica si ( DOVREBBE ) ADOPERARE per il bene della collettivita. PINO COLLESANO.

  9. Indovina indovinello ha detto:

    Collesano, e questa amministrazione che dice di fare politica secondo te si è adoperata per il bene della collettività o solo di qualcuno?
    Dicci invece qualcosa di più sul quel passaggio “contrastando chi fa politica e si unisce a tutti i costi “contro” qualcuno, e non “per” qualcosa” tanto caro ai supporters del sindaco che capiscono che i loro beniamini potrebbero tornare a fare ciò che facevano prima: niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.