Il Partito Animalista diffida il Comune di Castelbuono. Chiesto il blocco immediato della movimentazione cani randagi detenuti al canile di Isnello

Forse ti piacerebbe leggere...

11 Commenti

  1. Magagne ha detto:

    E finalmente verrano fuori tutte le magagne…

  2. U lupu perdi u pilu ha detto:

    Si consiglia di verificare tutte le adozioni e lo stato in vita degli stessi cani da delibere comunali dovrebbero risultare soggetti che hanno adottato svariati cani chi 7 chi 4 ma realmente non ne possiedono.

  3. Trabia ha detto:

    a Trabia?????? Nel circondario tutti sappiamo cosa è quel canile. Ma perché il sindaco si sta accanendo da tempo con i cani? E poi in compagnia di chi…fermateli

  4. Angela Conti ha detto:

    Qualora il Partito Animalista avesse bisogno del mio sostegno, io ci sono.
    Basta sfruttamento degli animali!

  5. Immacolata Merenda ha detto:

    Per favore controllate bene devono migliorare e non peggiorare un po di umanita’ questo significa civiltà saper trattare gli animali

  6. Spiegone ha detto:

    Spiegatemi questa. Sia il sindaco e che il presidente dei Delfini hanno sempre detto che l’associazione non prendeva soldi dal
    Comune. Mi spiegate allora come è possibile
    che nei mesi scorsi, con ben due determine di spesa, il sindaco abbia dato 10.000 euro ai Delfini???? Ma pensano che siamo tutti scemi?

  7. pesce porco ha detto:

    Sì, e se lo possono permettere di pensarlo avendo noi dimostrato ampiamente che lo siamo. Altrimenti qualche animalista della domenica non sarebbe un così zelante difensore

  8. Claudia grimaldi ha detto:

    Io mi chiedo come sia possibile che al sud tutti i comuni e sindaci prendano soldi e nn affrontino una volta x tutte il problema dei canili se nn ci fossimo noi del nord queste creature sarebbero già tutte morte ma nn riusciamo ad aiutare tutti i volontari.. Ma cosa insegnano ai figli?????

  9. Claudia Lauria ha detto:

    Eh mi raccomando mai dire la verità vergognosa su quello che accade nei canili al sud

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.