Castelbuono: il silenzio tombale dell’Amministrazione sull’aumento del prezzo del pane

Forse ti piacerebbe leggere...

9 Commenti

  1. Dormiente ha detto:

    La volevo informare che non è aumentata solo la materia prima, la farina , come lei giustamente ha detto, il pane da tempo ormai non si impasta più a mano ma con le impastatrici e si impana con le macchine che funzionano con energia elettrica. I forni non sono più a legna ma funzionano grazie al metano. Quindi lei sarà a conoscenza che sia il prezzo dell’energia elettrica che quello del metano sono aumentati negli ultimi mesi. L’aumento del prezzo del pane è più che giustificato, per la prima volta la comunità ha capito la situazione, e sarà per le imminenti elezioni o per qualche motivo a a noi sconosciuto, il sindaco ha taciuto. Approfitti anche lei dell’occasione, faccia un grande respiro e si rilassi in silenzio.
    .

  2. lavoro pendolare ha detto:

    Ormai per chi è pendolare conviene, oltre a mettere la benzina fuori paese, comprare anche il pane fuori. E’ chiaro che i panificatori hanno molte spese e che l’aumento del prezzo delle materie prime e dell’energia è assurdo, però in paesi limitrofi il pane costa ancora 40 centesimi in meno e la benzina mediamente 10 centesimi al litro in meno.

  3. Dormiente ha detto:

    La volevo informare che non tutta la farina ha lo stesso prezzo, con l’aumentare della qualità aumenta il prezzo. Non so a quale paese lei si riferisce ma il prezzo del pane è aumentato in tutta Italia. Poi se lei è di passaggio in un paese dove costa meno, calcoli pure il prezzo della benzina per portarlo a casa.

  4. Paese degli sceicchi ha detto:

    Il pane è come la benzina: si e’ aumentato!
    Il problema è che nel nostro paesello oltre il pane è aumentata la benzina di più di tutta la provincia Palermo (sono un viaggiatore) e sono costretto di fare sempre il rinfornimento nei paesi vicini quando passo.
    Avere il costo di 20cent in più in tutta la provincia Palermo un paese come Castelbuono è una vergogna!
    Finiamola di permettere di aumentare tutto perché a Castelbuono vengono i turisti.
    Spesso si dimentica che a Castelbuono vivono delle famiglie in difficoltà che permettono di andare a lavorare fuori paese.
    Non è bello vedere una famiglia che dopo 12 ore di lavoro (con sempre lo stipedio di 20 anni fa) con un viaggio da un altro paese, oltre fare i conti della benzina, dovranno pure fare i conti con le lacrime per il pane da mangiare la sera.
    Si rischia a finire che qualcuno dovrà mangiare meno pane e conservare nel freezer per l’indomani sera!
    Castelbuono non e’ il paese degli sceicchi.

    Vergogna!

  5. Un consumatore ha detto:

    Si dicono che è aumentata la materia prima ma io mi faccio una domanda se il pane costa a 3 € al kg come mai i quartini o le ciabatte costano di più se la farina il peso e sempre lo stesso perché si devono pagare in più allora il pane non costa più 3€ al kg ma bensì a 3.80 c’è la siete fatta questa domanda o non ci avete fatto caso e poi se in locdaun lo abbiamo fatto in casa perché non farlo di nuovo e poi vedono se vendono pane bene di prima necessità

    • Antonio ha detto:

      Credo che sia per motivo di legge, ricordo che il prezzo del pane fa riferimento ai formati al peso, per i quali è obbligatorio il peso, con eventuale aggiunta dell’ammanco, era così almeno fino ad anni ’90, per i formati non regolamentati o speciali non sussiste tale obbligo per cui il pane alle olive, o con farine particolari è libero mercato. Non so se la calmierazione del prezzo del pane sia stata abolita, ma era una norma che esisteva quando ero bambino e mi pare ancora fino ad anni novanta

  6. Giuseppe ha detto:

    Dico una cosa, perché negli altri paesi il pane lo pesano prima di consegnarlo? E se il pane non è del peso giusto aggiungono la differenza…

  7. Massimo Genchi ha detto:

    Scusate. Solo per ribadire che questo mio post non è per niente una presa di posizione contro l’aumento del prezzo base del pane ma una riflessione su come l’amministrazione tenda ad addomesticare a propria convenienza le problematiche, anche gravi, che quotidianamente investono il cittadino medio, anzi il paese reale. Quindi un intervento politico e nient’altro.
    Al Dormiente quando si sarà svegliato glielo spiegherete voi. Grazie. So che non sarà facile.

  8. Dormiente ha detto:

    Con questo articolo politico, ha dimostrato che lei non sa fare politica e purtroppo per noi ha pure dimostrato che Cicero sa fare politica, stare zitto al momento giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.