Il sindaco Cicero teme una sfiducia popolare

Forse ti piacerebbe leggere...

11 Commenti

  1. Elettore pentito ha detto:

    La fiducia popolare l’ha già persa da un pezzo. Chiedetelo a chi l’ha votato.

  2. Decoro urbano ha detto:

    I cittadini di Castelbuono sono stanchi di utilizzare strade dissestate per la mancanza della dovuta manutenzione, sono stanchi di vedere crescere ai bordi delle strade importanti di Castelbuono depositi di mezzi in disuso , di serbatoi accatastati di strutture precarie di gusto molto dubbio date le zone, sono stanchi di vedere annullare gli alberi secolari a ridosso del viale dietro il castello ridotti da alberi monumentali ad alberi da frutto, sono stanchi di vedere gli ingressi delle tre direttrici per Castelbuono ridotti a quartieri periferici di indubbia classificazione, sono stanchi del caos di macchine esistente in zone di vitale importanza per la circolazione altro che paese turistico. Lo scontro dialettico non serve più in consiglio comunale si assiste sempre di più a larvate minacce e mal di pancia che la gente comune non vuole più tollerare stante che i politici come i dipendenti comunali sono al servizio dello sviluppo socio economico del territorio non ad attuare denigrazioni e delegittimazioni a secondo del colore. Amministrare significa essere super partes ed essere i punti di riferimento delle esigenze della comunità. Sottovalutare il decoro urbano significa ignorare la vivacità che Castelbuono aveva raggiunto . Il paese si ama veramente se sfruttando le intelligenze di tutti ci si sbraccia con il dovuto rispetto per incrementare le potenzialità che rappresentano i punti di forza di Castelbuono.

  3. Giuseppe ha detto:

    Chi la fa l’aspetti…

  4. Mario Cicero ha detto:

    Qualche giorno fa ho detto a qualche Amico e Compagno, che sarebbe uscito un articolo di questo tenore, infatti, per non smettirsi il coordinatore politico del Movimento Castelbuono in Comune, Movimento che ricordiamo é stato sconfitto alle ultime elezioni amministrative. Prima lancia un attacco per certi versi patetico, sicuramente pieno di livore, nei confronti del Sindaco Cicero, con un Intervista sul periodico SupraUponti, nel numero 157 del 21 Marzo 2019, posizionandosi come leader di quel movimento, che io gli riconosco, successivamente alle prime parziali risposte date in due interventi, si trasforma in ” vittima”. Facendo pubblicare l’articolo che leggete sopra, a firma del coordinamento. Carissimo Santino quando si assume il ruolo di guida di un movimento che sta cercando di costruire un’alternativa a questa maggioranza è nei fatti che si è al centro della scena, questo è un prezzo che si paga per chi vuole guidare l’alternativa, questo è il viatico di chi vuole essere il numero uno di un movimento. Ai cittadini che sono attenti lettori, che non si nascondono dietro firme anonime, li voglio invitare a farsi un idea dei fatti, leggendo sia l’articolo sopra pubblicato, che l’intervista al coordinatore politico Santino Leta, che potete leggere sulla pagina facebook del periodico SupraUponti, infatti, ho chiesto al direttore di pubblicarla. Cosi ognuno ha la possibilità di farsi una sua opinione. Di cosa stiamo parlando.

    • che vuol dire? ha detto:

      sindaco, giuro non capisco cosa vuole dire pur rileggendo più volte.
      mi aspettavo un suo commento sulle irregolarità dell’isola ecologica
      su quello non ha niente da dire?

    • La Verità ha detto:

      Gent.mo sig. Cicero, siamo stanchi delle beghe personali tra lei ed il Dott. Leta.
      È inutile che ci ricorda sempre in ogni suo post che il movimento Castelbuono in Comune è stato “sconfitto” come in una battaglia o in un incontro di pugilato. Non sono questi i termini che deve usare un amministratore. Il sindaco di un paese, dovrebbe essere il sindaco di tutti, non solo di quelli che lo hanno votato, specie, come nel suo caso, quando questi sono la minoranza dei cittadini. Lei non può e non deve essere il sindaco del 42% degli elettori. Deve essere il sindaco di tutti, o almeno, dovrebbe cercare di esserlo. Altrimenti la sua “vittoria” sarà solo una “sconfitta” per tutto il paese.

    • Coppi ha detto:

      Un uomo solo al comando. Anzi un uomo solo!!! L’autunno del patriarca

  5. Decoro intellettuale ha detto:

    Siamo stanchi di vedere crescere ai bordi delle strade importanti di Castelbuono depositi di mezzi in disuso , di serbatoi accatastati di strutture precarie di gusto molto dubbio…

  6. Nicolo Piro ha detto:

    Non ha mai avuto una visione urbana di Castelbuono. Deve ammetterlo e noi constatarlo. Ma la colpa è anche (o soprattutto) nostra. Partecipazione e forme di democrazia diretta, sino alla loro istituzionalizzazione e maturità nella coscienza dei cittoni, possono avviare una nuova era.

  7. Piro ha detto:

    Sindaco, ciò che ha scritto…..di difficile interpretazione quasi incomprensibile…….la prego di fare un bagno di umiltà e dimettersi, non si rende conto che sono bastati due anni per essere sfiduciati da chiunque, compresi coloro che lo hanno votato. Faccia un gesto sano e si dimetta….la prego per il bene di tutti.

  8. 1 dei 12 ha detto:

    Da quello che scrive (un si capisci chi vulissi diri ) é in affanno ,nervoso ,quando E’ cosi ne potete stare sicuri che” cocchi autra a cummina “,tale Mariu fatti un viaggietto ca ti calmi mi pare ca ce qualcosa organizzato a Fossano ora ad aprile (poi l’utility cu stu Fossano non l’ho mai capito)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.