La Costituente torna ancora una volta sul “Divino”

Forse ti piacerebbe leggere...

21 Commenti

  1. Julian Assange ha detto:

    Avanti così! Questa è la madre di tutte le battaglie. Un evento inutile e in palese conflitto di interessi.

  2. Assessore ha detto:

    Finalmente scopriamo che in questa amministrazione c’è un assessore con delega a Paese Divino e Laurea in Michael Jackson

  3. Anonimo ha detto:

    Scusate forse faccio io un po’ di confusione , ma non ho ben chiaro quanto il comune di Castelbuono ha dato in termini di soldi per l’ultima manifestazione di Divino ai proprietari del divino ? Aiutatemi a comprendere meglio .
    Grazie

  4. Preventivo ha detto:

    2000€ per un lavoro di tre giorni con 6 post al giorno? 111€ a post? Se lo faceva un bambino o un adolescente veniva gratis questa spesa

  5. Assessore fenomeno ha detto:

    Soldi spesi su attestazioni verbali dell’assessore al ramo, Dario Guarcello, patron del Divino festival, un evento inventato da lui prima di essere assessore e rimasto uguale negli anni, festa privata tra amici finanziata con soldi pubblici. Complimenti alla Costituente per l’opposizione coraggiosa, precisa e puntuale che sta portando avanti, non è critica sterile ma informazione per i tantissimi cittadini che non hanno l’abitudine di accedere all’albo pretorio del comune di Castelbuono e leggere le delibere, è tutto scritto lì. Non hanno inventato nulla, purtroppo. Si procede in elargizioni per gli amici, senza vergogna. In questo i nostri amministratori sono proprio dei fenomeni, nel comprensorio non li batte nessuno, per il resto siamo ormai il fanalino di coda, altro che città creativa Unesco, a quali condizioni?

  6. Antonio Capuana ha detto:

    Il Comune di Castelbuono ha adottato per il Triennio 2020-2021 e 2022 il il Piano triennale di corruzione e trasparenza.
    Il Documento, obbligatorio per ogni Amministrazione, è un ottimo sistema di prevenzione di” processi burocratici perfettamente non lineari”.
    Se il piano funziona bene, la fase repressiva diventa realmente l’extrema ratio. Il controllore, in questo caso il Responsabile del Piano Triennale di Anticorruzione e Trasparenza, dunque, dovrebbe semplicemente far rispettare la legge o l’atto d’indirizzo riportato nel PTCT. Il concetto è elementare e non è difficilissimo da applicare.

    Estratto dal Piano adottato dal Comune di Castelbuono con apposita Delibera:
    ” Il piano per la prevenzione della corruzione e trasparenza non è un regolamento, ma uno strumento di orientamento dei comportamenti organizzativi dell’ente (in un’ottica non adempimentale) volto al raggiungimento delle seguenti finalità:
    – riaffermare il principio costituzionale della “buona amministrazione” (buon andamento e imparzialità);
    – creare e mantenere un ambiente di diffusa percezione della necessità di rispettare regole e principi.
    L’intento è quello di mantenere alta l’attenzione di tutto il personale su questi temi affinché ciascuno possa fornire il proprio contributo quotidiano al lavoro all’interno del proprio ente e, conseguentemente, al miglioramento del piano;
    – recuperare la fiducia di cittadini e imprese verso la pubblica amministrazione;
    – contribuire alla crescita economica e sociale del territorio e di riportare a un più elevato livello di
    dignità o di decoro il ruolo dei dipendenti pubblici (“a servizio della Comunità”).

    I regolamenti o atti d’indirizzo il Comune Castelbuono ce l’ ha, gli stessi, devono essere solamente bene applicati.

  7. Destinatario sbagliato ha detto:

    Come tanti altri eventi. Ma scrivendo sui blog fate solo ridere i polli e pure i diretti interessati che continueranno a farsi gli affari propri indisturbati per altri 5 anni. Ad altri dovreste scrivere, ed in carta da bollo, sempre se ne siete capaci

    • Buona Novella ha detto:

      Caro Destinatario sbagliato, se sei un cittadino informato che ti sta a cuore la cosa pubblica,anche tu hai il diritto dovere di scrivere a chi vuoi sempre se ne sei capace,ma ne dubito.

      • Destinatario sbagliato ha detto:

        Già fatto, amico mio, non temere. I tempi della giustizia sono lunghi, ma arriverà.

        • Raccontala giusta ha detto:

          Già fatto lo dici tu. Ma perché ti devo credere? Tu non hai neanche il coraggio di firmarti e dovresti averlo per scrivere in carta da bollo? Come vedi sei tu che fai ridere i polli.

  8. Tanti auguri a me e la torta a te ha detto:

    Considerando che siamo circa 8000 abitanti, vuol dire che ci costa almeno 5 euro ad abitante. Concettualmente, una famiglia di 4 persone ha contribuito con più di 20 euro a questa mega bevuta.
    A me non mi pare che mi sia tornato nulla… Penso che se uno si vuole fare una bella bevuta se la deve anche pagare! Considerato che il comune di Castelbuono dà i locali e probabilmente anche la pulizia degli stessi, non capisco il senso del finanziamento. Piacerebbe sapere anche gli utili della manifestazione, perché le spese sono a carico nostro…

  9. Antonio2 ha detto:

    Diciamo che siamo in una sorta di: “Divino” Commedia. ‍♂️
    E siamo pure intrappolati in qualche suo girone dantesco da cui in tanti, masochisticamente, non vogliono uscire.

  10. Asocial Elementary Proletarian ha detto:

    Ma di cosa vi lamentate? è tutta colpa dell’inflazione: 18 post a cui sommare la produzione in loco di contributi multimediali (di ignota quantità), pagati da un ente pubblico per promuovere una pagina privata, a firma della niente poco di meno che eiachettinamente consulente multimediale ad interim del comune di Castelbuono (si veda aggiornamento dati Covid) sono un lustro per il nostro Comune (per tale mansione non si conosce la retribuzione).
    Non vorrete parlare dei 500 euro (prima rata) che il museo civico ha versato per realizzare il sito internet (un altro) che ha il solo scopo di seguire passo passo la candidatura di Castelbuono al “Club Unesco”… e dei 10000 euro per l’infiorata (ops!).
    Se fossi in qualcuno, io #Unnescopiù

  11. Abacuc ha detto:

    Sarebbe il caso di far rilevare che la manifestazione si è svolta nei giorni 29-30-31 luglio. Ora mi chiedo, perchè già da prima della festa di Sant’anna, ossia dal 25 luglio, i cartelloni del divino festival hanno invaso via Sant’anna? Quale è il motivo? Che necessità improrogabile ha imposto l’affissione di tali manifesti tematici e di micchia con così largo anticipo? perchè l’amministrazione ha autorizzato tale bella mostra, considerato che impedivano la sosta dei fedeli e dei cittadini lungo i marciapiedi (come è noto, la modestia dei DIVINI ha prodotto dei cartelloni tridimensionali, come dei totem su tre facce)?

    • Plautilla ha detto:

      Semplice… Sant’Anna è una mera anticipazione del DvF. Sicscaldano i motori in attesa del vero grande evento.

  12. Alba(chiara) ha detto:

    Riusciamo a fare di questo post l’articolo più commentato di sempre?

  13. Giuseppe ha detto:

    le cifre spese sono vergognose a fronte dell’impatto della manifestazione che peraltro non promuove neppure una peculiarità locale (si ok ci sta S.Anastasia ma non è che siamo diventati comune vitivinicolo). ma la corte dei conti niente ha da dire? sa di queste spese? i cittadini che pagano le tasse che ne pensano di questo sperpero di risorse finalizzato sembra più all’interesse di pochi , se si può dire?

  14. Giuseppe2 ha detto:

    Mi auguro che al prossimo consiglio comunale l’opposizione pretenda dei chiarimenti dai diretti interessati ,mi sembra quanto mai legittimo che doveroso soprattutto per rispetto di noi contribuenti tartassati fino all’inverosimile , si fa’ fatica a pagare le bollette di luce e gas e si regalano i soldi in questo modo!!

  15. Giuseppe2 ha detto:

    Faranno come la precedente opposizione !,abbaiano abbaiano abbaiano ,con la speranza che le denunce le facciano i cittadini !

  16. Parole parole parole ha detto:

    “Chiacchiere e tabacchiere di legno non se ne impegnano al Monte di Pietà!”

    DiVino Festival…. Eremo di Liccia…etc

    Portate le carte in Procura altrimenti non siete diversi dai vostri predecessori!

    E francamente cercate di sollecitare l’amministrazione Cicero sui bisogni primari di cittadini e attività!

    Che mentre fate le pulci su ste cose i cittadini e le attività hanno problemi più seri da affrontare come pagare le bollette!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.