L’abbazia Sant’Anastasia torna a Francesco Lena restituiti all’imprenditore tutti i beni sequestrati: “Non è prestanome dei mafiosi”

Forse ti piacerebbe leggere...

4 Commenti

  1. Vincenzo Capuana ha detto:

    Una bella notizia.

  2. prevenuti di casa nostra ha detto:

    ma le misure di prevenzione restituiscono anche la cittadinanza onoraria?

  3. Sic transit gloria mundi ha detto:

    …nulla potrà risarcire anni di dolori, sofferenze, umiliazioni, isolamenti….di cittadinanza onoraria tolta (sempre la solita sicumera del solerte….) ad un imprenditore che ha portato tanto lavoro e ricaduta economica e in immagine a Castelbuono… Qualcuno, dovrebbe chiedere scusa pubblicamente…..

  4. Giuseppe ha detto:

    Finalmente! Era ora!
    Dopo tanto tempo dalle assoluzioni in tutti i gradi di giudizio, viene restituito al legittimo proprietario il maltolto.
    Ma i dispiaceri e le sofferenze, quelle non potranno mai essere restituite.
    E mai saranno troppo severe le pene che verranno inflitte (?) a chi nella sciagura dell’Ing. Lena ci ha sciacquato, mangiato e bevuto.
    Per fortuna l’Azienda è sopravvissuta allo sciacallaggio di coloro che la dovevano difendere: magistratura ed amministratori locali.
    Questi episodi, ci portano a confidare ancora, malgrado tutto, in una magistratura onesta.
    Troppe aziende sono andate incontro al fallimento dopo l’amministrazione giudiziaria, fallimenti causati appositamente per nascondere la cattiva amministrazione.
    Qui non ci sono riusciti, anche grazie alle capacità ed alla bravura di tutti i dipendenti che hanno saputo tenere sempre alta la bandiera dell’Abbazia Santa Anastasia.
    A Castelbuono, cosi come non attecchiscono le associazioni malavitose, non attecchisce nemmeno la cattiva amministrazione giudiziaria. Ce l’hanno messa tutta per distruggerla, come si evince dagli atti del processo, ma non ci sono riusciti.
    Congratulazioni all’Ing. Lena ed a tutta la sua famiglia per aver saputo resistere. Complimenti ai dipendenti tutti.
    Evviva!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.