Le Fontanelle: ancora bugie dal sindaco Cicero

Forse ti piacerebbe leggere...

14 Commenti

  1. Comitato per Castelbuono ha detto:

    Una cosa è certa! Ad oggi esiste una sola opposizione a Castelbuono che potrebbe tenere testa a questa amministrazione, ed è quella del Comitato per le Fontanelle! Certo sono monotematici, ma stanno dimostrando preparazione puntuale e difficilmente attaccabile.
    Soprattutto alla luce di una totale e quasi inesistente Opposizione presente in Consiglio Comunale, se non in maniera sporadica.
    Mi auguro di vedere molti dei componenti anche scendere in campo alle oramai imminenti elezioni per dare finalmente un taglio netto al declino della Politica Castelbuonese la cui parabola dovrebbe, si spera, vederne la fine nel 2022

  2. Non ci vengo più! ha detto:

    Alla luce di quanto riferito dal Comitato e alla luce delle tante magagne perpetrate nel tempo, il sindaco e l’amministrazione sono solo UNA VERGOGNA per Castelbuono.

  3. Ncolo Piro ha detto:

    È ancora credibile o è senza idee che, d’ altra parte, né può avere né il Signore può dargli per non fare una brutta figura.

  4. Anna ha detto:

    Tutto secondo copione direbbe il capo e la sua giunta non si spostano di un millimetro , recitano bene senza improvvisare . Castelbuono i nostri attori di v.S.Anna il teatro non lo vogliono

  5. Qualunquista ha detto:

    Vorrei capire cosa ne pensa l’assessore al ramo LL.PP., visto che sino ad oggi è come se non esistesse, quindi che ci sta a fare in una giunta del genere visto che non ha voce in capitolo, meglio che si dimetta, tanto l’inquilino di via S. Anna fa tutto lui!!!

    • Architettura ha detto:

      Non è propio come dici tu ,l’assessore al ramo standosi zitta incassa in 5 anni oltre 60. 000 mila euro, Abbanè

      • Qualunquista ha detto:

        Concordo pienamente con quanto dici tu, ma questi soldi insieme a tantissimi altri soldi, spesi per l’amministrazione e dall’amministrazione, sono uno sperpero di denaro pubblico, quindi anche mio ed anche tuo.
        Ritengo che bisogna avere un po’ di rossore è una punta di vergogna e per questo insisto sulle dimissioni.

        • Architettura ha detto:

          Mio caro dimostri che sei molto ingenuo, ma uno che prende lo stipendio può mai rinunciarci? Quindi va fino alla fine del mandato.

      • Giocatore ha detto:

        Meglio di un terno al lotto.
        La migliore professione di questi tempi è la politica. Il settore non conosce crisi e sinni fitti du Covid

  6. Agricoltura ha detto:

    il silenzio è d’oro. Anzi d’euro.

  7. Giuseppe ha detto:

    Comunque secondo me finirà a nulla di fatto perché se è vero che hanno tutti i pareri degli enti dovranno bandire la gara. per fare la strada dietro probabilmente ci sono degli espropri per pubblica utilità. entro 17 mesi la vedo difficile che riescano ad aprire il cantiere. E onestamente qualche sorpresa geotecnica me l’aspetto se toccano il muro di contenimento sopra la Madonna della Catena.

  8. archipenzolo ha detto:

    signor Carruba,
    ma com’è finita? ma dov’è finito?
    Non ha più niente da dire?
    Peccato

  9. Ncolo Piro ha detto:

    Tanto per cambiare:

    U R B A N I T À
    “Urbanità ”è un termine enigmatico: questo significa che il suo uso richiede una spiegazione – ma allo stesso tempo è ciò che lo rende così affascinante, che nel XX secolo in particolare ha contribuito al ruolo produttivo del termine. “Urbanity” è stato un concetto di valore dai suoi inizi fino ad oggi; Questo è il motivo per cui si parla correttamente anche del termine “virtù dell’urbanità “.
    Qualunque sia la connotazione – quando si parla di urbanità, all’urbano viene assegnato un valore specifico che non solo distingue questa città dalle altre sfere, ma anche dalle altre sfere emerge. A questo proposito, il concetto di urbanità differisce da altri termini simili come l’urbanizzazione, che si riferisce oggettivamente e descrittivamente al fenomeno di urbanizzazione o sviluppo urbano, e quello di urbanistica, con cui la pianificazione e la progettazione accede alla città di pianificazione urbana e Si intende il beau urbano. Inutile dire che un termine antico come quello di urbanità non ha un significato fissabile nel tempo, è stato creato in determinate condizioni storiche ed è sempre stato tramandato e sviluppato ulteriormente nel corso della storia.
    Ciò che rende più difficile una definizione è che non si riferisce a un’entità senza tempo, ma a un fenomeno culturale che è esso stesso soggetto a un certo cambiamento storico. Concludere da ciò, però, che il termine è inutilizzabile a causa della sua inesattezza significherebbe privarci di parlare di cultura in generale, perché questa mutevolezza è insita in ogni termine culturale. Inoltre, da alcuni cambiamenti nell’urbano e nel concetto di urbanità, non si può postulare che l’urbanità sia obsoleta oggi. Gli autori che sostengono questo seguono per lo più il loro modello di sviluppo storico preconcetto, che con presunta necessità punta in una direzione verso la dissoluzione urbana. Il fatto che il postulato dell’urbanità possa essere un’obiezione critica alle tendenze di sviluppo urbano percepite come distruttive non trova posto in questa logica storiografica. Tuttavia, poiché la logica storiografica non può essere un argomento contro le pretese normative di una società, la domanda di urbanità appare giustamente ancora e ancora senza che la sua falsità storica possa essere provata.
    Anche se questa sezione riguarda principalmente la storia e la definizione del concetto di urbanità, si deve tenere presente che non è affatto sufficiente esaminare i significati della parola urbanità per determinare il fenomeno dell’urbanità. A volte l’urbanità viene trattata senza usare il termine – ad esempio in Georg Simmel, i cui testi sono sempre annoverati tra i fondamenti della teoria urbana, ma che parla di “vita intellettuale urbana”. A volte urbanità significa cose molto diverse, ad esempio quando il linguista vede solo aspetti retorici, il sociologo vede solo aspetti sociali, o l’architetto vede solo aspetti progettuali. Altre parole e termini dovranno quindi essere presi in considerazione quando si descrive lo stesso fenomeno. Dovrebbero essere prese in considerazione anche altre fissazioni mediatiche del fenomeno come immagini o descrizioni letterarie.
    La storia del fenomeno e il concetto di urbanità possono essere descritti come una storia di crescente differenziazione e graduale consapevolezza di ulteriori sfaccettature di ciò che definisce l’urbano positivamente connotato. Ciò non postula uno sviluppo logico privo di conflitti in cui solo le aggiunte portano ad un arricchimento graduale. La storia dell’urbanità mostra anche reinterpretazioni e interruzioni. Ma la maggior parte dei primi strati di significato sono presenti anche nelle concezioni successive, così che la storia dell’urbanità è più probabile che venga vista come una delle trasformazioni che si accumulano. È anche evidente che alcuni aspetti dell’urbanità sono tematizzati e quindi diventano consapevoli proprio quando entrano in uno stato critico e non sembrano più naturali. Soprattutto, gli aspetti culturali dell’urbanità sono enfatizzati quando si tratta di distinzione culturale all’interno della società; soprattutto, gli aspetti sociali dell’urbanità vengono enfatizzati nei momenti in cui la struttura sociale appare fragile; in particolare, gli aspetti progettuali dell’urbanità vengono enfatizzati quando la struttura spaziale-architettonica della città viene percepita come spezzata.
    Martelleremo su questo tema, anche se l’ aspetto che urge mettere in evidenza è strettamente legato al peso che intenderanno dare il premier del costituendo Esecutivo di Governo e il nuovo e giusto ministro al Ministero Infrastrutture & Trasporti, da scindere in Ministero per lo e , ad una tematica che meno nella „polis“ grega, e certamente più nell’ urbs romana e nella civitas medevale costituisce la radice della citta storica italiane e della città europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.