Le Fontanelle: col Comitato, il sindaco cerca a casô sinnacu!

9 Commenti

  1. U Re nudi è ha detto:

    Voglio u cammaruni come u sutta tiettu o comuni

  2. Muratore ha detto:

    Un’altra ridicolaggine del progetto mostrato dall’amministrazione è il camerone al posto dei camerini. Perfetto per u cammaruni ma non per un teatro.
    Voglio approfittare di questo spazio per lanciare un’idea all’amministrazione, per dimostrare che i “nimici da cuntintizza” sanno pure proporre, non solo criticare. Parlo dei bagni pubblici, così necessari in piazza castello per le “migliaia di turisti” come dice il comunicato. Anziché ricavarli all’interno del Teatro (ribadisco Teatro non cammaruni) rubando spazio prezioso, perché non vengono ricavati al di sotto della scalinata nord del castello? Partendo dal lato più basso, lato collegio. Basta sbancare poche decine di metri cubi, bastano tre metri di profondità, realizzare i bagni e ripristinare la scalinata. Perché nessuno ci ha pensato prima? E dire che avete delle menti eccelse in giunta. Considerato il poco visto delle opere, affidate direttamente ad una impresa locale, date lavoro e realizzate in breve tempo qualcosa di veramente utile.

  3. idraulico ha detto:

    sindaco, con questi l’acqua non c’è bisogno di prenderla dal lago di vicaretto e neanche di tirarla dal fiume. con questi ti sei messo l’acqua dentro!

  4. Inganni d’...errori ha detto:

    Se ci si accusa a vicenda di bugie e omissioni, come fa un cittadino a capire dove sta la verità?
    Qui la questione è davvero grave! La comunità castelbuonese ha il diritto di sapere come stanno le cose, di avere risposte a domande precise, avrebbe anche il diritto di dire la sua riguardo a un tema così importante! Cosa pensa la maggioranza ? E l’opposizione? Vorrei conoscere anche il parere dei tecnici locali, di Città e Territorio, delle singole persone all’ interno dei vari organismi culturali… dove va il paese?
    Qui non si tratta di un edificio, ma di una visione globale della politica culturale di questa Amministrazione e, fatta una scelta,( SI Teatro , No Teatro ) anche delle future amministrazioni!

  5. Falegname ha detto:

    Vedo che Trump insegna , quando u picciriddi non arriva all’obiettivo comincia a dire la colpa e degli altri.

  6. io sto sempre con mario ha detto:

    Trump Salvini Renzi l’aviemi a casa e non ne siamo consapevoli .Con renzi si candido!! con salvini alle prossime elezioni suli iddu cia ammanca dopo che ha girato tutti i partiti meno male che non e stato eletto mai, il mondo ci guarda u sapi quanti pisa,dimenticavo trump u vulissi america ,tale ci pagamu u bigluietti pacienzia ciu mannami alivoti si ripiglia!!!!

  7. Qualunquista ha detto:

    Ovviamente, l’inquilino di via S. Anna, pur di ottenere quello che vuole, è disposto a dire tutte le fesserie di questo mondo, ma deve sapere che “tanti a lanceddra va’ all’acqua sino ‘ca si rumpi “.

  8. Chiarezza e trasparenza ha detto:

    Concordo con chi ha scritto appena sopra e aggiungo: come arrivare alla verità una volta per tutte mettendo al bando ora una tesi ora un’altra. Come possono i cittadini essere messi al corrente di come stanno veramente le cose. Ma soprattutto come può un primo cittadino non convocare una conferenza pubblica ove tutti possono essere in grado di capire e fare delle valutazioni. Chi ha delle responsabilità è tenuto alla rendicontazione sociale, a rendere pubblico e sotto gli occhi di tutti la problematica corrente( per qualunque motivo), a sentire democraticamente il parere degli altri e fare in modo che la popolazione tiri un sospiro di sollievo e si senta tranquilla. È nello spirito di chi governa , o almeno dovrebbe. La casa comunale è di tutti, chi vi esercita il dovere- potere lo è per mandato ma ciò non vuol dire che della cosa di tutti faccio ciò che voglio. È il popolo sovrano che chiede e al popolo sovrano occorre dare. Castelbuono vuole il teatro , a tutti i costi il teatro deve essere ,nel senso più appropriato del termine. La costruzione di un teatro necessita di ciò che occorre perché si possa chiamare tale. Il dibattito, l’incontro, il dialogo hanno da sempre rappresentato un livello massimo di democrazia, un tentativo nobile seppur audace, di esprimere ciascuno liberamente e chiaramente il proprio punto di vista. Naturalmente tutto mediato dal senso civico e dal profondo rispetto tra le parti.

  9. Antonio ha detto:

    Sig. sindaco di questo passo sta trasformando il paese in un cesso pubblico, al campo sportivo ci sono bagni, al parco delle Rimembranze idem, al castello altri ancora e per finire li abbiamo anche in piazza margherita se proprio li vuole fare pensi a una soluzione per farli supra u ponti e costruiamo un teatro come si deve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.