mmenz’ASTRAta!

14 Commenti

  1. Zecca ha detto:

    Aspetto con ansia l’invettiva del sig. Mario Cicero a questo articolo. Sicuramente, al suo solito, si arrampicherà sugli specchi per negare l’evidenza di una così scarsa partecipazione di presenza, ma evidenzierà le migliaia di visualizzazioni su FB, che probabilmente saranno superiori agli 8.000 abitanti di Castelbuono, perché anche il mondo ci guarda. Comunque ci sono servizi su Internet che per poche decine di euro, aumentano le visualizzazioni. A pensare male è peccato, ma ci si azzecca sempre.

  2. 100 passi ha detto:

    Sentito ieri in diretta propongo un minuto di silenzio per caramelle e per il tizio che al posto di battere un panino a battuto caramelle.ma poi dico in questi autogrill si usa la pistola a barre per i prodotti. Quindi ti sei comprato le caramelle con la mia Tasi

  3. Firma d'autore ha detto:

    Allora la prossima volta può dare una banconota di dieci euro ( si capisce di tasca sua) e con la modica somma di 2000.euro si garantisce la presenza di 200 persone al prossimo comizio. Ci pensi signor Sindaco . Potrebbe essere una buona idea. Non pagare per ascoltare barzellette, ma essere pagati.

  4. Giuseppe ha detto:

    condivisibile l’articolo. Peraltro il teatro sarebbe un’alterativa alla Badia come convegni di capienza più importante, ci sta Castelbuono Scienza che ha proposto spesso relatori di spessore, che sono rarissimi da vedere in un paesotto di provincia. Si potrebbe dare un palco ai gruppi teatrali locali…con una capienza idonea potrebbe ospitare anche eventi di prosa su base non solo locale…mi chiedo sempre perchè una buona idea deve avere l’etichetta di parte, e quindi non si fa, quando sarebbe un patrimonio da lasciare alle future generazione

  5. Goal ha detto:

    L’autorevolezza di questo articolo sta nell’aver conteggiato il numero di eventi, durante un periodo di pandemia globale, ed averci ricamato sopra un intero articolo. Un po’ come festeggiare che la propria squadra non ha subito goal negli ultimi 3 mesi e concludere dicendo che merita quindi di vincere il campionato.

    • Paolo Cicero ha detto:

      Invece la sua autorevolezza, e quella del suo protetto, sta nell’accettare che si possa pontificare che un teatro Castelbuono lo userebbe solo 3 giorni all’anno, senza avere la minima cognizione e riscontro?
      Ci saremmo accontentati che il suo protetto avesse usato lo stesso nostro, inadeguato, periodo di osservazione, ovviamente con il teatro pronto e disponibile.
      A proposito possiamo assumere per le prossime valutazioni che almeno dal 3/6, visto che l’ASTRA si può usare per comizi, che nulla osti affinché si possa usare anche per rappresentazioni teatrali?

    • I am Cicerianus ha detto:

      Avanti Cicero alla riscossa. Tale va curcati

  6. autogoal ha detto:

    Infatti appena è finita la pandemia ecco subito due eventoni: 1 e 13 giugno. Ci prepariamo al resto………..

  7. Flip e Flop ha detto:

    Al prossimo evento all’Astra, dove inviterà i sindaci di tutta la Sicilia ma solo in quattro risponderanno all’appello, scriverà agli assenti che hanno perso un’occasione unica, come ha fatto con i sindaci invitati ad Irosa, per riempire un capannone sempre vuoto. Così vuole rimediare ai flop, ma riesce solo ad allungare la collezione.

  8. FUIPOLITICO ha detto:

    LA CAPACITA’ DEL POLITICO DI SAPERSI RAPPORTARE CON IL MONDO ISTITUZIONALE. Nella Zes della Sicilia occidentale ricadono le zone di Aragona-Favara, Calatafimi, Caltanissetta, Caltavuturo, Campofelice di Rocella, Carini con l’area Rimed, Cinisi, Custonaci, Gibellina, il porto di Licata, Marsala, l’aeroporto di Birgi, Mazara del Vallo, Misilmeri, il porto e il retroporto di Palermo (a cui si aggiungono le aree di Brancaccio, Partanna-Mondello e dell’Arenella), Palma di Montechiaro, Partinico, Porto Empedocle (con il porto e il retro-porto), Ravanusa, Salemi, Serradifalco, Termini Imerese (con il suo agglomerato industriale e il porto), Trapani (con il porto, il retro-porto, l’agglomerato industriale e l’area logistica).
    Per la Zes Sicilia orientale sono state inserite le aree di Acireale, Augusta, Avola, Belpasso, Caltagirone, Carlentini, Catania (con il porto e il retro-porto), l’aeroporto di Comiso, Enna Dittaino, Floridia, Francofonte, Gela (compresa l’area di riconversione), Melilli, Messina (con il porto cittadino e quello di Larderia), Milazzo (con porto, retroporto e agglomerato industriale), Militello Val di Catania, Mineo, Niscemi, Pachino, Palazzolo Acreide, Paternò, il porto e il retroporto di Pozzallo, Priolo Gargallo, Ragusa, Rosolini, Scordia, Siracusa con la zona industriale, quella di Santa Teresa e della strada statale 124, Solarino, Tremestieri, Troina, Villafranca Tirrena, Vittoria e Vizzini.
    NON COMMENTO MA VORREI TANTO CHE I CASTELBUONESI IMPARASSERO A GIUDICARE

    • Fantasiliandia ha detto:

      Contiamo meno del due di bastoni quando la briscola è a denaro. Sosvima, Gal, distretti e consorzi vari servono a pochi. E mentre qualcuno continua a raccontare la favola che il mondo ci guarda, la cosa più grave è che tanti, anzi troppi, ci credono.
      Ed i castelbuonesi non impareranno mai a giudicare, non c’è scampo.

  9. Il karma ha detto:

    Intanto inizia la fase 3 altro che discorsi Astratti stranamente inizia a mancare l’acqua in paese. Le sorgenti sono piene il fiume pure i serbatoi sbuffano. Attenzione popolo di Castelbuono. Chissà come givernavano i Ventimiglia ai tempi del feudalesimo.? Se manca l’acqua la mostreremo tubo per tubo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.