Palermo, allarme daini sulle Madonie: “Ora dobbiamo abbatterli”

Forse ti piacerebbe leggere...

5 Commenti

  1. Saahn Taahn Nuuutzahh ha detto:

    Castelbuono è protetto dal sistema paese (chi dici?).
    Quali m….a di daini. Al massimo qualche cinghiale che va a pizzuttiare panettoni all’Extrabar

  2. Giuseppe ha detto:

    sull’invio al mattatoio per la trasformazione la vedo un attimo più lunga, ci vuole infatti l’autorizzazione del vetrinario ULS, a meno che non si proceda in modo “clandestino”, come peraltro ormai prassi da parte di alcuni. Il problema è che finchè la carne te la mangi in proprio è una cosa, appena la metti in vendita il carnezziere rischia tanto perchè ci sta in gioco la pubblica incolumità.
    Una curiosità …le stime sulla popolazione chi e come l’ha fatta? i numeri mi sembrano random

  3. Proprietario ha detto:

    Fiumi di inchiostro ,fiumi di parole,fiumi di chiacchiere , fiumi di cinghiali e Daini , dopo oltre vent’anni solo chiacchiere .
    Nel frattempo i cinghiali si moltiplicano ,e i daini anche , con danno inestimabile alla flora e alla fauna e anche a tutti i proprietari terrieri che sono nella zona .

  4. Donatella Dagnino ha detto:

    Sarebbe oltremodo auspicabile che si facesse la stessa cosa con i cinghiali. Ho una casa vicino Polizzi e sono priva di coltivare persino i fiori perché i cinghiali, non ostante la recinzione entrano quasi quotidianamente e mi distruggono tutto, anche a due metri dalla porta di casa!!!

  5. Hunter74 ha detto:

    Finalmente un presidente del parco che mette in primo piano incolumità ed interessi dei cittadini ed in secondo piano gli animali. Com’è giusto che sia. Speriamo non rimangano solo parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.