Pino Abbate torna a scrivere in merito ai lavori di ripristino del manto stradale della nuova circonvallazione

4 Commenti

  1. Antonio2 ha detto:

    Per gli errori e le superficialità da lei perfettamente evidenziate ci sarebbero responsabilità penali, ma nessuno dei “piani alti” (alti come il fumo) si azzarderà mai a denunciarle perché tra di loro i piedi non se li pesterenno mai.

  2. Giuseppe Mario Barreca ha detto:

    Se tutto quello che denunzia il sig. Abbate risulta a verità, sarebbe auspicabile e corretto, che si rendesse pubblico il nome del Collaudatore che apporrà la propria firma sulla “consegna del lavori” e che gli stessi siano stati eseguiti secondo Capitolato. Se poi l’impresa esecutrice ha eseguito i lavori secondo quanto previsto dal Capitolato, dovrà venire fuori il/i responsabile/i del progetto e di chi lo ha approvato. Credo che sia finito il tempo delle “pacche sulle spalle. Adesso sulle spalle dei contribuenti ci sono solo tasse, tasse e tasse, per coprire le malefatte degli altri. E la cronaca giornaliera ne è piena zeppa.

  3. Antonio ha detto:

    se le condizioni di ripristino sono quelle descritte durerà si e no pochi mesi e poi saremo punto e a capo.
    se l’opera è fatta male non ci stanno pezze che tengono, sopratutto sotto le ruote di mezzi pesanti

  4. Sandro Morici ha detto:

    A seguito della lucida e corretta analisi tecnica, illustrata dal dott. Abbate, la popolazione si aspetterebbe che le Amministrazioni coinvolte (Assessorato/i regionale/i, Comune, ecc.) facessero “la lista della spesa”: cioè un realistico elenco dei vari passi con cui l’opera è stata progettata (…”a regola d’arte”) ed eseguita (…”conformemente alle buone norme”, quindi in applicazione della normativa in materia), e, successivamente stilassero la lista dei responsabili e di chi ha posto “la firma”. L’indicazione puntuale delle responsabilità sarebbe un segno di rispetto nei confronti dei cittadini e di vera democrazia all’insegna della trasparenza amministrativa . Il resto andrebbe affidato all’Autorità giudiziaria “per il seguito di competenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.