Una “progettazione partecipata” per Le Fontanelle

Forse ti piacerebbe leggere...

4 Commenti

  1. pasqualino cusenza ha detto:

    “finalmente si comincia ragionare”

  2. Castelbuonesità ha detto:

    Ma questi personaggi in cerca d’autore fino a stasera in quale comunità virtuale sono stati?

  3. Filippo Botta ha detto:

    Le idee sono tutte meritevoli di essere considerate e ponderate. Ma le idee se non vengono tramutate in progetti concreti si traducono in pura fantasia. Mi dispiace dirlo ma alcuni dei firmatari li ho visti presenti alla riunione pubblica indetta dal gruppo 2001.
    Nella vita bisogna adoperarsi sempre per la proposizione di idee progettuali realizzabili e che nell’immediato possano essere trasformate in concretizzabili.
    Nessuno pensa che non si possa ipotizzare un piano di recupero dell’area castellana, liberandola dalle recenti costruzioni che ne hanno nel tempo compromesso l’originaria conformazione, con le più disparate idee che rimangono ipotesi ideali stante che nè il Comune né altri Enti, oggi come oggi, abbiano tanta disponibilità economica da finanziare tali proposte.
    A questo punto l’idea del comitato promotore del progetto di consolidamento con piccoli interventi di ristrutturazione riportano il vecchio teatro “Le Fontanelle” ad essere riutilizzato per un numero di posti significativo, nella sua originaria composizione , oggi discutibile, ma ai tempi pensato e realizzato con finalità innovative.
    Oggi in ogni caso trattasi di un manufatto di una certa entità storicizzato a piazza Castello.
    I lavori ipotizzati concretizzano, con molta probabilità, anche la salvaguardia del finanziamento trattandosi di semplice ristrutturazione con recupero e consolidamento statico.
    Personalmente ritengo concreta e fattibile l’idea illustrata a dicembre, stante anche la competenza tecnica evidenziata nella illustrazione per il richiamo di norme tecniche concrete

  4. Domenico ha detto:

    Speriamo che non si realizzi un altro “pugno nell’occhio”. Se finisce come il municipio, tanto vale abbatterlo e lasciare la piazza larga, libera e bella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.