“Ricoloriamo la memoria”. Il restauro del murales di via Sandro Pertini

Forse ti piacerebbe leggere...

5 Commenti

  1. agratis ha detto:

    Grazie ad Annalisa e a tutti quei cittadini che hanno contribuito al restauro ,sara disattenzione mia ma non ho saputo di questa raccolta fondi ,riflettano i nostri amministratori ,se per fare la manutenzione di un semplice murales (peraltro se non sbaglio realizzato agratis) bisogna fare la colletta ,siamo propio messi male ,ci conviene incominciare a raccogliere i soldi per la manutenzione del verde ,strade mezzi (bmw sindac-ale,gia rotta )etc..

  2. oliver ha detto:

    Per essere un tantino credibili dovreste prima di tutto sensibilizzare il vostro sindaco, più che cittadini e ragazzi, su un percorso di legalità seria, Invece di assistere inermi e complici alla sua tracotanza.

  3. Faccia da contrappeso ha detto:

    Il centropolis si è ridotto a fare comunicati (non è che dalla fondazione abbia fatto chissà che). Stavolta si fa una sviolinata al mecenatismo della signora consigliera. Avanti il prossimo e poi un altro. Difficile far la franca.

    • Vuotocosmico ha detto:

      Mi ricordi gentilmente cosa ha fatto il centropolis negli anni passati perché sinceramente non lo ricordo. Ah si il nulla cosmico.
      Ci sono persone che si adoperano giornalmente per portare avanti questa istituzione a titolo gratuito ed hanno fatto molte più cose in questo anno che nei cinque anni precedenti.

  4. Mah! ha detto:

    È già strano che si preoccupino di ripristinare qualcosa realizzata durante l’Amministrazione Tumminello. Infatti hanno sempre detto che Tummy non ha fatto niente di buono. Questa volta si smentiscono, addirittura la consigliera dona il suo contrubuto.
    Mah!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.