Risposta del sindaco Cicero all’intervento di Enzo Sottile in merito ai lavori eseguiti sulla cabina elettrica “Russo”

Forse ti piacerebbe leggere...

11 Commenti

  1. Antonio ha detto:

    “Castelbuono non ha più strutture pubbliche abbandonate e da recuperare.”
    E il TEATRO Le Fontanelle ? che sia chiaro du cammaruni non ce ne importa nulla

    • Antonio2 ha detto:

      Infatti. La struttura pubblica ubicata proprio nella piazza dove si trova il simbolo di Castelbuono per eccellenza (il Castello), continua a rimanere un rudere abbandonato e, purtroppo, fonte d'”ispirazione” per una ridicola “soap opera” dal titolo: “U Cammaruni”.

  2. Daniele ha detto:

    Ma la definizione di “Paese Reale” è dovuta dalla presenza del Re?

    • giuseppe ha detto:

      testuale:”il paese reale e intellettualmente onesto apprezzi quello che stiamo portando avanti dal 1992 ad oggi”…veramente ci sarebbe da fare un bilancio di quanto sono progrediti i comuni limitrofi e quanto noi dal 1992, e quanto è progredito il mondo che ci guarda. Isnello nel 1992 aveva già un’emeroteca, quando non ci stava internet e youtube. Preciso emeroteca non enoteca. Castelbuono cosa ha costruito? cosa ha realizzato nell’ottica di migliorare la qualità di vita e le possibilità offerte ai suoi cittadini in quelli che oggi sono annoverati come diritti e servizi base (fare sport, avere spazi culturali di incontro quali un teatro, avere servizi degni delle tasse imposte). Pure Petralia ha un impianto sportivo coperto,mi pare. Ma poi, sempre che il nostro primo cittadino si spera ancora per poco legga, quello che si può rilevare è il FALLIMENTARE modello di sviluppo economico che si è voluto imprimere, prevaricando tutto e tutti, promuovendo un turismo mordi e fuggi che purtroppo non può essere adeguato a mantenere economicamente un comune di 8mila abitanti. Specie senza avere una rete tra comuni come fatto altrove. Questa scelta viene dalla limitatezza della base culturale e della vision, e non riesci a persuaderlo perchè non si lascia persuadere e non ascolta nessuno, convinto lui di essere depositario della verità. Le scelte basate su turismo mordi e fuggi portano a snaturare la struttura della società, della composizione degli abitanti.

    • Il brutto che avanza ha detto:

      In tutte le cabine d’autore illustrate nel catalogo, sono state mantenute le finestre e gli isolanti, appunto per far comprendere a cosa servissero originariamente quei manufatti. L’intervento effettuato sulla cabina Russo invece ha cancellato quegli elementi di riconoscimento trasformandola in un “pipitunu” che ben si coniuga con l’edificando “cammaruni”.

  3. Chiccheria ha detto:

    L’intento della lettera non è chiarire le responsabilità sulla cabina russo, ma portare a conoscenza del “paese reale” l’importo dell’incarico in essere e quelli precedentemente affidati.

  4. Buon maestro ha detto:

    Riporto quanto scritto sopra dal sig. Cicero: “Purtroppo il geometra Barreca avvezzo ad offendere tutti coloro che non la pensano come lui…”
    Sicuramente ha imparato proprio dal sig. Cicero ad offendere chi non la pensa come lui, non dimentichiamo le offese rivolte agli oltre mille firmatari del manifesto delle Fontanelle, quelle ancor più gravi nei confronti del Sig. Pietro Carollo e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Chi è allora quello che offende chi non la pensa come lui?

  5. Mosè, la manna e le leggi urbanistiche … ha detto:

    …un PRG scaduto, comporta l’immediata cessazione dell’efficacia dei vincoli urbanistici, e della loro stessa esistenza quale previsione urbanistica, con la conseguenza delle ordinarie facoltà di utilizzazione del bene da parte del proprietario. Trascorso un considerevole lasso di tempo dalla scadenza del PRG inoltre tale area cessa anche il suo assoggettamento alla disciplina delle zone bianche ovvero quelle aree del territorio comunale per cui non è prevista alcuna pianificazione urbanistica. Pertanto un proprietario di un immobile in zona con vincolo pacificamente decaduto da un considerevole lasso di tempo ha diritto al rilascio della concessione edilizia secondo i generali criteri dettati dalle leggi urbanistiche come se il vincolo non fosse mai esistito. Se parliamo di legge urbanistica vige questo principio. Tutto il resto sono solo parole nel vuoto non scritte in nessuna tavola dei comandamenti.

    • abcedario ha detto:

      Complimenti per la interpretazione della norma !!!! Precisando che il PRG non scade, ma trascorsi (oggi) cinque anni decadono solamente i vincoli esistenti sulle aree preordinate all’espropriazione. Questa decadenza fa si che sulle stesse aree vige la normativa ..per farla breve ed in parole povere ..delle cosidette zone bianche, vale a dire, che per il loro sfruttamento ai fini di nuova edificazione, consentita solo al di fuori dei perimetri urbani, si utilizza l’indice delle zone agricole (E). Non esistono ulteriori scadenze o decorrenza di “tempo”, le norme vigenti in materia discplinano la sola riapposizione del vincolo sulle stesse zone che può avvenire solo a determinate condizioni che ricadono sull’Ente Locale. La nuova normativa urbanistica approvata dalla Regiomne Siciliana a modifica della prima ed unica legge madre sull’urbanistica emanata dalla nostra regione nel lontato 1978, disciplina ulteriormente queste fasi di riapposizione di vincoli sulle stesse aree prevedendo altri concetti urbanistici tesi ad allievre il carico sui bilanci comunali scaturiti dalle norme succedutesi sull’argomento che, per come prima citavo, scaturiscono dall’emanazione del testo unico sulle esprospriazioni.

    • Giuseppe ha detto:

      e questo STRIDE con la scelta di vocazione turistica di cui fissato. Se infatti nei suoi viaggi guardasse i paesi della Toscana (Val d’Orcia, val d’Elsa) non troverete un angolo non curato, non troverete una sola parabola bianca, non troverete una finestra messa lì per caso con alluminio adonizzato. cioè quelle comunità si sono imposte vincoli di paesaggio che dagli anni ’70 grazie a una base sostanziale di architettura arte, e anche enogastronomia li ha proiettati nei circuiti importanti. ma li hanno fatto rete molto più che da noi, ed hanno altre carte, Montalcino, San Quirico D’Orcia, Pienza, Colle val d’Elsa, Montepulciano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.