Spettacolo irrispettoso al Centro Sud, interviene la Curia

Forse ti piacerebbe leggere...

19 Commenti

  1. Critico ha detto:

    Evidentemente questo artista ha bisogno della provocazione per compensare la mancanza di talento. Manco fosse Piero Manzoni.

  2. vuoi vedere che? ha detto:

    Non è che denunciano pure la curia?

  3. Sigfrido ha detto:

    Gentile Critico, mi scusi ma il paragone con Piero Manzoni c’entra poco.
    Manzoni voleva dimostrare che ogni atto di un’artista è arte stessa, anche l’espletamento delle attività corporee.
    Non era una stupida provocazione, ma un importante manifesto della sua epoca

  4. Mario una ne pensa e cento ne sbaglia ha detto:

    a carnelavale al centro polis volevano farla franca

  5. Maria ha detto:

    Bisogna dire no.No e basta.Senza spiegazioni e commenti

  6. retrogado ha detto:

    Colapesce é uno dei migliori artisti italiani, osannato dalla critica e anche all’estero. Polemica stupida e sterile, anche perché i suoi testi parlano di integrazione e di amore verso il prossimo. Dispiace che una bella struttura come il Centro Sud finirá con l’essere chiusa per via di una visione retrogada da parte della curia. Queste manifestaziono portano solo cultura e allontano i giovani dall’oblio e dall’ignoranza.

    • futurista ha detto:

      Il problema qui non è lo spettacolo dell’artista in sé, che può essere condiviso o no, ma il fatto che il suo svolgimento sia stato autorizzato in un luogo sicuramente non adatto. Dalle foto si evincono determinate emulazioni che per un cattolico possono risultare offensive, specialmente se messe in atto in una chiesa. Inoltre la curia è proprietaria dell’immobile, e ha perciò tutto il diritto di trarre conclusioni e prendere i dovuti provvedimenti

  7. il comunista ( a secondo dei giorni) ha detto:

    Sabato il sindaco comunista di ritorno dal vietnam parlerà con il Santo Padre a palermo e risolverà questa questione.
    E in cambio il Santo Padre gli raccomanderà di recedere dalla volontà di licenziare i lavoratori della Coop il girasole.

  8. Facciamo così ha detto:

    retrogrado, portatillu a casa a colapisci (uno dei migliori artisti italiani) e ti fai fare un paio di comunioni di mattina e di sera così stai cueto.

  9. Utente ha detto:

    sul fatto che sia stato assolutamente fuori luogo ed offensivo per qualsiasi cattolico non ci sono dubbi, se poi lo si fa in una chiesa gentilmente concessa in uso diventa quasiuna provocazione. A chi difende l’indifendibile chiederei: cosa sarebbe successo in Arabia Saudita se per provocazione il gruppo musicale più famoso del mondo avesse simulato una grigliata di maiale dentro una moschea?
    Evidentemente a qualcuno non è chiaro il concetto di rispetto!

  10. Marylin Manson ha detto:

    Due questioni:

    Se quello è ancora un luogo di culto allora potrebbe essere stato inopportuno tenere li quell’evento, altrove non avrebbe avuto tutto questo clamore e nessuno c’avrebbe fatto caso. Di certo che se qualcuno parla di polemica sterile vorrei vederli discutere se per ipotesi assurda su facesse una cosa analoga in un altro luogo di culto di altra religione “più radicale” (Charlie Hebdo docet).

    Ma nello stesso contesto se in pratica chi usufruisce della location paga un affitto non è per certi versi anche padrone finché ne usufruisce? Bisognerebbe vedere cosa dice il regolamento…

    • retrogado ha detto:

      il concerto era previsto a San Francesco. L’artista in questione ha fatto una canzone dal titolo Maometto forse vive a Milano che ha vinto il premio della critica su repubblica come miglior video musicale del 2018. Non penso abbia fatto piacere ai musulmani ma é un video bellissimo di libertá e di integrazione in unmondo che sta andando a rotoli

      • Utente ha detto:

        Il mondo sta andando a rotoli perché è pieno di ragazzini viziati che pensano si possa fare e dire qualsiasi cosa in barba a leggi, religioni, usanze ed educazione con il solo futile scopo di apparire innovativi o alternativi e non capendo che la libertà di ognuno finisce dove inizia quella di un altro.

  11. annamaria ha detto:

    mi pare la storia di chi si batte il petto la domenica in chiesa e il resto della settimana è il peggiore dei peccatori. Il bigottismo vincerà sempre perché checché se ne dica siamo una comunità che l’apertura culturale la ostenta e basta!..poverini!

  12. Vangelo è arte ha detto:

    Da cattolico non praticante, lodo la Curia che ha preso posizione rispetto il dovere di un’Amministrazione di verificare la congruenza tra regolamenti stipulati , accordi stabiliti e scelte effettuate. I luoghi hanno una loro storia, una memoria da rispettare, un’identità non discutibile. L’idea di accettare tutto è non cultura….il bigottismo puo’ appartenere a tutti, anche ,a coloro che credono nella assoluta libertà…e nell’arte come modalita’ di espressione fuori da ogni contesto e rispetto dei valori altrui…non discutiamo dell’artista ma di un’amministrazione che nel tentativo di soddisfare le richieste dei vari gruppi locali perde di vista la fattibilità dell scelte e dichiara che tutto è possibile, cedendo ad un populismo che giustifica sempre in riferimento alla convinzione che ‘tutto è Economia che ‘gira’ .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.