Taglio del bosco comunale di Castelbuono il 22 giugno la presentazione del piano

2 Commenti

  1. Giuseppe ha detto:

    Ho ancora davanti agli occhi le immagini terrificanti del 16/6 e adesso leggo del taglio di altri alberi….Mah..senza parole 🙁

  2. Giuseppe ha detto:

    Il nostro è un bosco ceduo. Ha “bisogno” di essere tagliato. Lo è stato per tanti secoli e solo per questo ne possiamo ancora godere. Anzi, siamo in fortissimo ritardo con i tagli ed è una situazione molto pericolosa. A causa della nostra politica inefficiente non si taglia il bosco da troppo tempo. Era ora che si riprendesse questa antica attività che ha permesso per secoli il sostentamento di decine di famiglie con la produzione di legna e carbone. Anche oggi potrebbe essere una lucrosa attività per tanti, come lo era una volta. Se solo la politica lo capisse!
    Naturalmente la cura del bosco mediante taglio, è un’arte antica e non può essere affidata a chicchessia.
    Per chi non sa cos’è un bosco ceduo:
    Il ceduo (dal latino caedo, “io taglio”) è una forma di governo del bosco che si basa sulla capacità di alcune piante di emettere ricacci se tagliate. Questo tipo di formazione boschiva è quindi costituita essenzialmente da polloni, cioè da alberi provenienti da rinnovazione agamica (moltiplicazione vegetativa). Con il taglio il popolamento non viene sostituito nella sua totalità ma solo nella parte epigea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.