Tumminello: “l’Amministrazione stanzi subito 100 mila euro per le attività che hanno chiuso la saracinesca”

Forse ti piacerebbe leggere...

10 Commenti

  1. Ecchicivulia.... ha detto:

    Finalmente una proposta seria e concreta.
    Almeno nell’immediato, purtroppo si prevedono tempi di magra anche per tutto il periodo estivo. Il comune non credo possa sostituirsi allo stato, vorrei porre una domanda al Dr. Tumminello. Crede che possa inquadrarsi anche una “specie” di prestito tra comune ed attività da restituire, anche in un paio di anni, a tasso 0?

  2. Cittadino schifato !! ha detto:

    Cosi bello è, facile è, sempre con i soldi di tutti, verooo ? opposizione e maggioranza . Si fa mensa e si cucina per tutti ed io pago (cittadino) e magari si aiutano sempre gli stessi, che probabilmente, prendono già il reddito di cittadinanza, le borse di alimenti di padre Lorenzo, sostegno familiare del comune, pensione, invalidità, accompagnamento, ecc..bello vero Sindaco!! . E magari tutti altri cittadini quardarno e pagano le tasse e magari vi fanno la beneficenza!! cosi bello è veramente . Ma voi che fate, non uscite niente di tasca veroo Tumminello ?
    Copio ed incollo un comunicato Facebook di Vincenzo Allegra, non me ne vuole se lo condivido e lo pubblico, per il bene comune, siii .
    “È il momento della CONCRETEZZA !!!
    Per coloro che parlano di bene comune e solidarietà, sarebbe opportuno e giusto per essere credibili, che in primis Sindaci, Amministratori e Consiglio comunale destinino le indennità mensili dovuti al costo della politica per destinarli all’acquisto di materiale e attrezzature da assegnare agli ospedali della provincia e, agli operatori sanitari ed altre urgenze dovute al corinovirus . Auspico che questo appello venga accolto favorevolmente al più presto “.

    • Ecchicivulia.... ha detto:

      Questo è il momento che “io pago (cittadino)” non deve esistere. Se solo fossi un pò lungimirante capiresti che se non aiuti adesso, non avrai niente nel futuro. Il vero dramma, per i cittadini da roma in giù sarà il post. Il nord ripartirà con le fabriche, il sud cercherà di galleggiare perchè l’unica industria reale, il turismo, non avrà turisti.
      Se non aiuti adesso rischierai di avere un paese deserto per sempre.

    • serafino ha detto:

      parole vere sempre gli stessi e alcuni e abitano in case in affitto a 280 euro al mese con il rerddito di cittadinanza e mangiano bevono e fumano col il sostegno familiare del comune. bello cosi e lacorano magari in nero da qualche vecchiette. SCHILLACI SVEGLIATI

  3. Toto ha detto:

    Condivido in pieno il pensiero di cittadino schifato e dico e ridico non fate retorica e populismo becero . Cambiate disco e uscite prima voi i soldi che prendete al comune e fate beneficenza, se volete fare politica in questo momento siete seri e concreti. Non chiedete ai cittadini e ai commercianti pasta e viveri ormai sono in agonia grazie anche a voi. Falsi buonisti ed ipocriti cambiate paese.

  4. Schifiato ha detto:

    Complimenti a serafino che scrive ciò che molti pensano. Qui i controlli non si fanno… C’è chi campa col reddito e con altri aiuti ma passa sempre come bisognoso e intanto si mette in tasca almeno 800€…lo schifo assoluto

  5. Mario ha detto:

    Piuttosto dei pasti per pochi bisognosi, ammesso che non possono cucinare, l’amministrazione dovrebbe, con la collaborazione delle sartine presenti in paese, di realizzare delle mascherine per tutta la popolazione.

  6. Celestina ha detto:

    perché siccome il virus è grande quanto una lenticchia, con la mascherina di seta o di lana o di stoffa o di cotone non passa. Ah! Ah!…

  7. spadellate ha detto:

    Trovo utile l’idea della spesa consegnata a casa, non per forza si debbano fare cose con cuochi e mettere in mezzo altre persone. Bisogna limitare tutti i contatti. Questa della cucina a tutti i costi, anche in tempi di isolamento, mi pare una esagerazione, oltre che una fissazione!! Chi ne ha bisogno passa dal comune o da un magazzino e ritira le derrate alimentari, senza tanta trama. Cose semplici ed efficaci, anche perché ciascuno ha la sua dieta, intolleranze, sale…etc…
    Ma perchè da qualche anno a questa parte non si è in grado di pensare una politica che non implichi una spadellata!!

  8. modello culturale ha detto:

    Cucimi e manciami!
    È il modello culturale che abbiamo votato.

    ‘Cu mori mori a cunti sua’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.