Un ministro madonita? Magda Culotta in corsa per il nuovo dicastero voluto da Renzi

Forse ti piacerebbe leggere...

11 Commenti

  1. grandepuffo ha detto:

    …a quando il ministro per il Pomeriggio ???

    Certo che per diventare Ministro …con il Governo Renzi …e con il PD… basta veramente “POCO”…!!!!!

  2. Antonio2 ha detto:

    C’è molta assonanza con la Cassa del Mezzogiorno che non mi ricorda tante cose positive, anzi…

  3. Polinesia ha detto:

    Per capire il livello politico che c’è nel parlamento italiano basti pensare non solo che Magda, e altri come lei o peggio di lei, sono lì seduti (a far cosa non si è mai capito) ma che Magda, e altri come lei o peggio di lei, sono in predicato di diventare ministro (o già addirittura lo sono). Dire che c’è da piangere è come dire che l’allegria è alle stelle

  4. Antonio Prisinzano ha detto:

    Polinesia, ma perché non ci vai tu con la tua cultura a fare il ministro??……visto che è così bassa da non avere il coraggio di mettere il tuo nome quando scrivi qualcosa………e portati un pò di collane di fiori ……..visto che ti piace tanto la Polinesia!!

  5. Polinesia ha detto:

    Tu invece pensi che si cessa di essere anonimi non appena si dichiari il proprio nome (boh!) oppure facendo il ministro.

  6. Antonio Prisinzano ha detto:

    Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire ……..o quando si ha a che fare con i filosofi ignoranti!!

    • giuseppe ha detto:

      guardi a me questo suo incipit sul mettere nomi mi sembra banale a meno di identificare autori di reati quali la diffamazione a mezzo stampa, ma mi pare ci sia la censura degli amministratori.

      se poi è possibile esprimere un’opinione politica sulla candidata ministra, al di là del bel visino pulito che pure oggi tanto conta vedi altre illustri ministre, io ritengo che sia acerba per tale ruolo.
      non significa che non è preparata accademicamente (almeno queste hanno studiato) ma che l’esperienza di un paesello che probabilmente non dovrebbe esistere come municipio autonomo per il numero di abitanti non mi pare sufficiente a garantirle spalle sufficientemente larghe per governare un ministero.
      altrimenti il risultato è che i ministri ombra finiscono per essere i dirigenti generali e i capi di gabinetto, veri boiardi di stato, e che il ministro sia solo un’utile espediente mediatico.
      tutto questo senza volerne all’on.Culotta, o a Magda se preferisce, e senza insultare nè diffamare alcuno.
      è una semplice opinione politica, che si può condividere, o no.
      a cui si può replicare, se vuole, con compostezza e argomenti.
      penso che in cuor suo la stessa interessata condividerà l’analisi.
      ma finiamola con la caccia al nome come se fosse la corea del nord in cui il dissidente va identificato.

      • Polinesia ha detto:

        Caro Giuseppe, siamo sicuri che Antonio Prisinzano non equivalga a un anonimo? Visto che ce l’ha tanto con chi usa il nick che metta una foto così vediamo se è espressivo come le cose che dice.

        • giuseppe ha detto:

          vuole anche le impronte digitali e il codice fiscale?

          “…così vediamo se è espressivo come le cose che dice” è sufficiente a qualificarla.

  7. Mario Cicero ha detto:

    Non so se si avverrà questo proposito, penso che è già un risultato positivo, sapere che una Madonita, è tra le possibili Ministre, tutto ciò ci onora, infatti, questo comprensorio ancora una volta offre alla società italiana talenti, professionalità, competenze che hanno e possono contribuire alla crescita sociale della nostra Italia.
    Magda, Lirio Abate, Carmelo Abate, Monsignor Mogavero, Il Magistrato Consolo, il Dott, Occorso, i Fiasconaro, il Signor Mangia, i Fratelli Giaconia, Croce Taravella, Viscuso, sono alcuni esempi di Madoniti che fanno grande il Prestigio di questa terra. Mi scuso con tanti che non sto menzionando, fare una pagina Facebook dedicata ai Madoniti nel mondo può essere un’idea?

    • Giuseppe ha detto:

      Ma mi faccia il piacere…
      Paragonare un politico ad un imprenditore o ad un giornalista!
      Si scusa poi con le persone che ha dimenticato: fortunate loro che non sono state incluse nella sua lista.
      Ritornando agli inclusi, ritengo che li abbia offesi gravemente paragonandoli ad un politico, specialmente se eletto con l’attuale sistema elettorale, cioè scelto dalla segreteria di un partito e non dalle preferenze degli elettori. Fortunati quelli che ha dimenticato (o che non conosce).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.