Unione delle Madonie, il ruolo dei giovani nel futuro delle aree interne

4 Commenti

  1. Resilienza ha detto:

    Riflessioni: Se i giovani vogliono cambiare il loro futuro ricordo che la vita è breve per poter cambiare ciò che per anni nessuno è riuscito a cambiare. La soluzione per rivalutare la propria vita è cambiare, avere il coraggio di andare via, lasciamo le colpe a chi ha abusato del territorio e del nostro futuro. Non c’è tempo per programmare cose impossibili. E credetemi con tutti i disagi e le carenze che regnano nel nostro territorio rimane fuggire. Fuiri u’ne vriogna ma salvamienti i vita. Lasciamo i vecchi burocrati a continuare a poltrire ed a regnare il niente il vuoto assoluto.

  2. Verità ha detto:

    Resilienza ha perfettamente ragione…queste pseudo iniziative sono fatte dai vecchi burocrati per bloccare 4 ignari ed inesperti giovani così da continuare a poltrire…è vero ca fuiri è vriogna, ma cu nesci arrinesci!

  3. Nicolo Piro ha detto:

    L‘ esperienza insegna che in mancanza di una solida formazione non ci sono ruoli da svolgere. C‘ è soltanto disperazione e, aggiungerei, delusioni.

  4. studente fuori sede ha detto:

    Bravo Presidente se non sbaglio la strategia per aree interne prevedeva il coinvolgimento di tutto il territorio ,imprenditori ,giovani ,ass.culturali etc ,prima non avete cercato nessuno!!! ora avete i rimorsi di coscienza ed aprite ai giovani .gatta ci cova io penso che avete di gia i giovani da inserire giustamente per (trasparenza ) fate un appello !Povere Madonie li avete spopolate ed ancora non siete contenti ,Giovani andate , sulle Madonie veniteci in vacanza e no tutti gli anni il mondo e grande e va girato per conoscere e crescere .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.