Viaggio a Fossano. La riflessione dello chef Salvatore Baggesi

Forse ti piacerebbe leggere...

9 Commenti

  1. Mario Cicero ha detto:

    Grazie Salvatore, non per quello che hai scritto, ma perché ci metti sempre la faccia in quello che fai.
    Questo articolo, spero possa fare riflettere i gestori di questo Blog, che come altri, autorizzano l’anonimato nel pubblicare i commenti favorendo di avvelenare il confronto civile, dando la possibilità a pochi di utilizzarlo per esprimere le loro sfrustazioni personali, non avendo il coraggio delle proprie affermazioni.
    Il tempo è galantuomo, il paese reale non dimentica, sa distinguere tra chi opera per la comunità è chi vive delle propria mediocrità. Buona Pasqua.

  2. Frustrato ha detto:

    Continuo ad esprimere le mie “frustazioni personali” come dice il sig. Mario Cicero, affermando che l’intervento del bravissimo Salvatore fuga ogni dubbio sulla bontà degli scambi con Fossano, anche senza il suo intervento. I nostri imprenditori e ristoratori, come tutti i residenti all’estero o al Nord Italia, sono i migliori ambasciatori di Castelbuono, anche senza la coccarda conferita loro dal sindaco.
    Peccato che in tutto questo, che è così bello, ci si immischia la politica più brutta. Comunque, il clima politico avvelenato non è una novità degli ultimi due anni, ma è iniziato quasi 30 anni fa. E se chi l’ha inaugurato è sempre in auge, ci sarà un perché. Buona Pasqua.

  3. ANONIMO MEDIOCRE ha detto:

    La persona con il vero nome o con l’anonimato e’ un fatto relativo, quello che conta sono le idee che esprimono, e il sindaco ha paure della idee dei commenti che lo criticano. Siccome molti vogliono evitare di esprimersi anche per paura di ritorsioni, allora cari amici del blog continuate cosi, esprimiamo anche con l’anonimato le nostre denunce e le nostre polemiche, non c’e’ Niente da avvelenare, il paese si è già avvelenato

  4. Natale allegra ha detto:

    Grande Salvatore troppi veleni stanno sputando addosso alla nostra castelbuono ,noi addetti ai lavori ogni giorno cerchiamo di portare alto il nome della nostra amata terra con sangue e sudore e tutte queste ripicche della nostra classe politica sia da una parte che dall’altra non fa’certamente bene al buon nome della nostra amata castelbuono ,quindi in conclusione cercate di placare questo odio ,Castelbuono è stato sempre il salotto buono della Palermo bene e non solo,ma in questi ultimi tempi mi pare che siamo sempre nei giornali e in televisione solo per altre cose che infangano il nostro buon nome ,e invece di inorgoglirci quando venivano le migliori trasmissioni televisive del settore enogastronomico a contendersi la nostra terra per dare lustro alle loro trasmissioni e vantarci di essere castelbuonesi,vergogniamoci di quello che sta succedendo ,amiamo La nostra castelbuono e ci guarderanno nuovamente con invidia come capitale enogastronomica delle Madonie

  5. Antonio Tumminello ha detto:

    Inizierei con un buone feste a tutti, ai tanti visitatori che abbiamo il piacere di incontrare e ai tanti che aspettiamo, Castelbuono è un posto bellissimo, voi imprenditori siete bravissimi, al netto della politica, del Sindaco di turno e dei consiglieri del momento, e posso affermare che fate tanto per la nostra comunità ( diciamolo probabilmente è anche utile per voi). Personalmente credo che la politica sia un fattore marginale e dovrebbe esserlo, come lo è non da Noi… ma in tanti posti più evoluti, che serva il merito è l’impegno.
    Ma credetemi, potrei anche sentirmi chiamato in causa come capogruppo dell’opposizione, se non saprei che chi è democristiano dentro, come me, non riesce a fare opposizione come i compagni, nati per farla.
    Ma certo vedere i nostri amministratori che ci portano sul giornale a parlar male di Castelbuono quasi tutti i giorni mi da molto fastidio, specialmente sapendo che non siamo i rispensabili, o come direbbe il sindaco i mandanti.
    E sentire il Sindaco dire che i nostri CONCITTADINI sono tutti frustrati, me ne da ancor di più. Allora ditelo voi, ai nostri amministratori, che devono cambiare rotta, linguaggio, modo di fare, evitando di immischiare la politica in tutto, cercando il consenso elettorale in ogni azione amministrativa, fatelo voi vi prego.
    Castelbuono merita di più, voi meritate di più, molto di più.

    Ps. Se non lo fate non preoccupatevi lo capirò, io non sono un tipo vendicativo.

    Antonio Tumminello, Consigliere Comunale

  6. spallone ha detto:

    Grande Tumminello, grande sintassi, con la quale, spero simulando ignoranza a tinghitè, cerca di tirarsi fuori dalla merda, sparsa col ventilatore, con la quale tutti i “politici” ,nessuno escluso, stando sommergendo Castelbuono, accomunati, in questa splendida attività, ad un personaggio che scrive di tutto e di più sul GDS, personaggio a cui, nel tempo, maggioranza ed opposizione hanno dato molto credito, alla ricerca del favore della cosiddetta “stampa”.

  7. Pasquale Pasquino ha detto:

    Signor Baggesi,
    a differenza sua non ho voluto spargere veleni né il giorno di Pasqua né il giorno di Pasquetta.
    Con il suo post pasquale lei prima di lanciarsi in quel ritornello di insulti ha letto attentamente il contenuto dei commenti al post “A Fossano una delegazione di Castelbuono a rappresentare la Sicilia per un evento che ha riscosso grande successo” del 15 aprile?
    Ha trovato un solo commento dove si parlava male dei ristoratori?
    Ha trovato qualche commento in cui si parlava della partecipazione interessata dei ristoratori a questa cenetta fra amici?
    Ha trovato un solo commento dove si faceva intravedere una partecipazione al viaggio dei ristoratori a spese del comune?
    Nei commenti sono stati usati termini che possano giustificare il suo “loschi personaggi senza nome e senza volto”? Guardi che avere un volto, una faccia, non sempre significa qualcosa, come spesso si constata leggendo certi commenti irriguardosi firmati con nome e cognome.
    Ripeto lei si è sentito colpito senza che fosse stato preso di mira. E forse lo sa pure. Ma per questo suo intervento in difesa ha avuto la pubblica medaglia dal suo sempre caro amico Cicero con un bel commento elogiativo.
    Certo in tanti, forse tutti, nei commenti hanno chiesto quanto è costata questa cenetta al Comune (e quindi a noi) ma questa è una cosa diversa dalle accuse che lei pensa le siano state rivolte. Quanto è costata questa gita fuori porta non sarà neppure difficile appurarlo. Fino all’ultimo euro, fino all’ultimo Tuc, fino all’ultima bottiglietta d’acqua da 50 cent.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.