Angelo Pizzuto e Mario Cicero rispettivamente presidente e vice del distretto turistico “Targa Florio”

Forse ti piacerebbe leggere...

15 Commenti

  1. Antonio2 ha detto:

    La Targa Florio prima di tutto dovrebbe ritornare ad essere la grande corsa di un tempo.

    Realizzate un circuito permanente/stradale per rifare la mitica corsa e non il “surrogato” rally di oggi!

    Ovviamente bisogna dare merito alla versione rally per avere perpetuato nel tempo la Targa, ma sarebbe stupendo e necessario rivedere la Targa Florio come gara di velocità su un circuito delle Madonie.
    I prodotti tipici del territorio, i musei, dovrebbero essere una conseguenza , un contorno e non l’obiettivo principale. Solo in Italia e in particolar modo in Sicilia si è potuto mandare in malora la mitica corsa della di Vincenzo Florio. Corse altrettanto mitiche come: Le Mans, Indianapolis, Montecarlo,… sono ancora lì e ogni anno il “rito” della competizione si ripete con tutto il movimento d’interesse: sportivo, economico, mondano, giornalistico,… In Sicilia pensiamo solo a farne dei musei (e a volte nemmeno quelli), a piangerci addosso e a fare consorzi per piazzarci politici esperti in “tuttologia”.

  2. Ugo ha detto:

    Per curiosità, a quanto ammonta il bilancio di questo cosiddetto “Distretto Turistico”? E a quanto ammontano i gettoni di presenza per il Consiglio direttivo? Credo che per la trasparenza questi dati i cittadini devono saperli. Grazie

  3. Carmelo ha detto:

    CHIEDO…COSA C’ENTRA, SAN MAURO,CASTELBUONO, POLLINA ,GRATTERI, CON LA TARGA FLORIO?…VORREI CHE RISPONDESSE CICERO O PIZZUTO…GRAZIE

  4. Antonio2 ha detto:

    E anche cosa c’entrano: Angelo Pizzuto, Mario Cicero & Co con la Targa Florio.

  5. Mario Cicero ha detto:

    Caro Carmelo il “vorrei” mi sembra un po’ esagerato, per uno che non ha il buon gusto di farsi identificare. Sul perche’ questi comuni sono stati tra i promotori del distretto? Solo lungimiranza, infatti, nello scontro tra Provincia e ACI, su chi aveva i requisiti per avere riconosciuto la titolarità del distretto, molti comuni hanno aderito al progetto della Provincia altri invece abbiamo aderito a quello proposto dal ACI. Spero sia stato chiaro, per maggiori delucidazioni basta scrivere alla mia mail: santannuzza@alice.it. Rispondendo Ugo e’ singolare ma utile questa domanda fatta solo a questo distretto, compensi non ve ne sono, il finanziamento e’ di 700.000,00 € che saranno erogati dopo presentazione progetti, con evidenza pubblica. Caro Ugo,visto che sei attento osservatore non farti sfuggire assunzioni e incarichi a chiamata diretta di parenti e amici, per migliai di €, che si stanno consumando in questa stagione politica.

    • Sconcertato ha detto:

      ma dovrebbe essere il sindaco a presiedere il comitato. che c’entra Mario Cicero

    • ughino ha detto:

      ..incarichi e assunzioni sono stati sempre il vostro forte, ma mai come in questo momento! ha ragione mario, è alquanto disgustoso quello che sentiamo in questi giorni, prima la famiglia, cognati e cognatine e poi presunti amici e finti sostenitori…dove andremo a finire???

    • Ugo ha detto:

      Definire singolare che un cittadino si chieda e chieda (non a Lei) quanto costa un operazione pubblica… beh forse è davvero singolare. La domanda è stata fatta solo per questo Distretto, perchè l’articolo parla solo di questo Distretto. Purtroppo non sono un attento osservatore anzi mi sfuggono molte cose, pertanto se le cose che scrive (assunzioni, incarichi ecc..) saranno pubblicate (come è stata pubblicata questa notizia che altrimenti non avrei saputo) non esiterò a commentarle.
      Cordiali saluti

  6. Pasquale ha detto:

    Sarei proprio curioso di sapere in che modo pensate di valorizzare questo “distretto turistico” impegnando BENE il cospicuo finanziamento elargito in considerazione del fatto che dovete valorizzare la “TARGA FLORIO” e a parte qualcuno dell’ACI non mi sembra di scorgere tra Voi persone che abbiano competenza alcuna in materia automobilistica.
    Grazie.
    Pasquale.

    • Sconcertato ha detto:

      Concordo ma che ci possiamo fare bisogna sponsorizzare le barche a vele a favignana le partite di tennis perchè il Presidente Pizzuto o il Parco sentendo parlare del porto di Isnello a pensato di organizzare li il prossimo evento, e nel contempo portare le tenniste in ritiro a piano torre e dopo i piloti della targa. Lasci la targa a chi compete…..

    • vaud ha detto:

      sono domande da fare?
      Il distretto turistico verrà valorizzato con una bella mangiata all’eremo di liccia cosi’ una parte dei 700.000,00 euro verrano destinati all’incremento del capitale castelbuonese…….. 🙂 o è meglio 🙁

  7. elettore castelbuonese ha detto:

    bellissima accoppiata grandi manager locali e
    non, sicuramente avremo un grande sviluppo economico e turistico di tutto il nostro territorio.
    Ma aimè sto sognando ad occhi aperti, basta vedere la storia di questi manager e rendersi conto che sarà una grandissima illusione.

  8. arricchiamoci ha detto:

    Un mosaico di un Italia da rivivere e da non dimenticare.

    http://www.peperosso.tv/videoplayer.php?vid=Dinastie_IFlorio_659811

  9. Antonio2 ha detto:

    La Targa Florio è una corsa di auto e bisognerebbe rilanciare proprio quella con gente appassionata e competente. Tutto il resto è altra cosa che non vorrei commentare. Oggi c’è la tendenza a mischiare “cavoli” e “broccoli” pur di apparire “fantasiosi” e “innovatori”.
    Non mi piace granché vedere il nome Targa Florio appiccicato a forza alle tagliatelle col basilisco (cmq buone), al vino di una certa azienda, al formaggio di… Chi conosce il vero significato della Targa vorrebbe risentire l’odore della benzina e il rombo dei motori col solo sapore della valenza mondiale di un tempo. Chi invece sconosce la Targa approfitta del suo nome rinomato per costruirci attorno solo “altro”. Per carità, anche l’”altro” si può fare e sicuramente porta economia, però il primo obiettivo dovrebbe essere: far ritornare la Targa Florio ai vecchi fasti. ALTRIMENTI SAREBBE COME FARE LA FESTA DI COMPLEANNO COL FESTEGGIATO DEFUNTO E COL SOLO SCOPO DI MANGIARSI LA TORTA E IL RESTO DEL BANCHETTO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.