Arrivano le ruspe per la demolizione della Scuola Francesco Minà Palumbo, il carbone che non ci meritavamo

Forse ti piacerebbe leggere...

9 Commenti

  1. Mario ha detto:

    Lo sperpero è una innata prassi dei nostri amministratori, fare di tutto ma niente di quello più necessario o più priorità. Ci stiamo abituando allo spreco alche ci sembra anormale la normalità.

  2. Mario ha detto:

    Lo sperpero è una innata prassi dei nostri amministratori, fare di tutto ma niente di quello più necessario o più priorità. Ci stiamo abituando allo spreco alche ci sembra anormale la normalità.

  3. Giuseppe ha detto:

    Avete dimenticato di citare tra i lavori inutili il rifacimento del comune

  4. Spese inutili ha detto:

    Le strisce pedonali, i totem, le visiere, i braccialetti, la jeep del sindaco, ecc.

  5. cin cin ha detto:

    Ma la politica che cosa fa ? Ma la classe dei docenti cosa fa? Ma chi si propone come alternativa a questo andazzo cosa fa ? Ma i consiglieri sia di opposizione che di maggioranza cosa fanno ? Ma gli studenti cosa fanno ? Ma i genitori degli studenti cosa fanno ?Ma i cittadini cosa fanno ?
    ????Altri 5 anni di questa minestra e tutti vissero felici contenti ,domattina visita ai lavori a Madonna del Palmento ,dopo le 11 aperitivo a piazza Margherita offerto dal progettista e dalla ditta che esegue i lavori per brindare al nuovo anno !!

  6. Ignazio Maiorana ha detto:

    Pare che quanto stia avvenendo a Castelbuono ce lo meritiamo interamente. È inutile ormai piangere sul voto buttato a… Mario! Riflettiamo, riflettiamo.
    Ignazio Maiorana

    • Operetta ha detto:

      È vero. Questo disastro non è opera degli amministratori. È opera degli elettori che li hanno eletti. Dovete prendervela con loro (o con voi stessi).

  7. Uno qualunque ha detto:

    Signori è proprio vero che siamo giunti a fine pasto.
    La differenza tra gli stessi commensali sta nel fatto che i pochi si sono riempiti la pancia a scapito dei molti che speranzosi si aspettavano un l’auto pasto e sono rimasti digiuni e delusi.
    Mi spiego dicendo che la mia affermazione è una metafora con la quale spiego ai pochi intelligenti che lo stanno pensando che io non voglio far parte di nessuna mangiatoia ma ai vantaggi che ne deve trarre la collettività dall’impiego del denaro pubblico e non dallo sperpero di esso.
    Continuo dicendo: è mai possibile che per fare spazio ad un progetto che non piace a nessuno della nostra comunità se non alla politica per motivi a noi sconosciuti!!!!!, o forse!!! Si demolisce un manufatto
    in cui di recente sono Stati spesi un mare di soldi per renderlo efficiente alle norme di sicurezza vigenti?
    Perché questa faraonica opera, che comporta solo danni e sperpero, non veniva ubicata in loco diverso e far sì che il manufatto esistente venisse adibito a destinazione diversa?
    Credetemi ce ne sono tante nascerebbe solo la difficoltà nelle scelte prioritarie.
    Quando è stato presentato il progetto per l’esecuzione di quest’opera quali sono state le scelte, la lungimiranza e le riflessioni della politica nella opportunità o meno dell’opera e le relative azioni, per far sì che l’impiego di quei soldi e la realizzazione di quell’opera raggiungesse la piena soddisfazione possibile? O il coraggio di dire no allo spreco pubblico e al vandalismo di distruggere opere funzionali è estranea alla politica?
    Mi sembra di stare in una barca dove i passeggeri vogliono approdare a riva e il timoniere o i timonieri puntano in alto mare. Scusate ma sono tanti i casi in questa nostra piccola comunità che confermano quanto detto.

  8. Antonio ha detto:

    tutti sfoghi giusti, però sappiate che non è che la regione si è alzata una mattina ed ha deciso di sua iniziativa di stanziare i soldi e di procedere a quanto sopra. E’ per forza partita una richiesta di inclusione in un più ampio stanziamento da parte dell’amministrazione locale, quale che fosse (probabilmente la medesima attuale dato che occupa i tre quarti dell’ultimo ventennio). Adesso non è che si può bloccare tutto così, perché il processo amministrativo ha avuto varie fasi. Ora se ci sono le ruspe ci sta una ditta appaltatrice. Le scelte, e le responsabilità politiche, stanno a monte, in chi ha deciso di andare in questo senso, e in chi vista la proposta pervenuta su carta l’ha accettata. comunque ritengo che la radice di tutto si ritrovi nello strano percorso amministrativo subito dal plesso s.Leonardo. evidentemente, dopo tale intoppo, si resero conto che adeguare sismicamente quelle strutture con NTC attuale è quasi impossibile, e comunque il costo sarebbe impressionante, per cui tanto valeva rifarla nuova. Ci si poteva pensare prima di spenderci gli ultimi soldi, però.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.