Ascesa e caduta del vecchio Teatro comunale di Castelbuono

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. Coerente ha detto:

    Complimenti professore per la valida e minuziosa Descrizione! da fonti comunali si apprende che per la redazione del progetto esecutivo del nuovo teatro Le Fontanelle sia propedeutica una campagna di scavi archeologici. Dalla sua puntuale ricostruzione sembrerebbe che l’attuale teatro sorgerebbe sui resti della chiesa San Filippo. Se così’ fosse, come qualcuno di fatto sostiene, ciò’ creerebbe non poche preoccupazioni al sindaco, amministratori e progettisti del nuovo teatro. Sempre da fonti comunali si apprende che tra qualche mese partirà’ la campagna degli scavi archeologici. Buona fortuna cari compaesani!
    Sulla commissione pubblici spettacoli, che Lei sembrerebbe denigrare,gentile Professore, sono d,’accordo con l’amministrazione; la sicurezza degli spettatori ed artisti va tutelata anche a discapito di qualsiasi esibizione teatrale; Esempi di tragedie proprio dal palcoscenico,purtroppo,sono vive nelle menti di noi castelbuonesi. Colgo l’occasione per ricordare il poliedrico e compianto artista ENZO LA GRUA.

  2. Antonio2 ha detto:

    Un grazie immenso a Massimo Genchi per questa interessantissima storia del Teatro Comunale di Castelbuono e soprattutto per aver pubblicato le testimonianze fotografiche. Spero che si riesca a convincere colui che possiede le foto dell’interno del teatro prima della demolizione a renderle pubbliche. Sarebbe stupendo poter scrutare com’era costituito il teatro di dentro e non capisco perché questo signore, che per fortuna ha conservato queste foto, non voglia rendere partecipe tutta la comunità castelbuonese di questa testimonianza.

    Mi auguro soprattutto che l’obbrobrio attuale venga buttato giù al più presto e che venga ricostruito un teatro che ricordi il più possibile quello di una tempo, ovviamente con tutti i requisiti tecnici e tecnologici di oggi. In tal modo si riuscirà anche a porre rimedio almeno ad uno degli scempi del “modernismo degli ‘50”.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.