Castelbuono, tassa sui rifiuti del 2010, cartelle con interessi del 100 %

6 Commenti

  1. Si salvi chi può. ha detto:

    Voglio credere che l’Ufficio tributi del Comune sia incorso in un errore cosi plateale? Che qualcuno “del mestiere” ci illumini….

  2. Pietro Mazzola ha detto:

    Io non sono del ” mestiere” ma l’articolo merita qualche riflessione. Mi risulta difficile pensare che le professionalità che oggigiorno si adoperano per far si che la macchina burocratica funzioni al meglio, ledano gli interessi della comunità tutta inviando avvisi di pagamento caduti in prescrizione. Va dato anzi merito ai funzionari che hanno scovato questi presunti 500 cittadini che hanno ricevuto l’avviso di pagamento. Ma, se come riportato nell’articolo, è stata applicata la sanzione nella misura del 100% si tratta di contribuenti che hanno omesso totalmente di pagare l’imposto dovuta. Poi mi sembra che l’allarmismo che traspare dall’articolo sia eccessivo in quanto se il contribuente che paga entro 60 gg. potrà usufruire della sanzione ridotta del 66%. E non mi sembra giusto parlare di vessazione o di altro che giustifichi il comportamento di chi non paga le imposte, ci sono tante soluzioni, ad esempio la rateizzazione. Gli avvisi di pagamento sembra siano stati inviati a persone che non hanno pagato totalmente le imposte a loro carico. Fa bene pertanto l’ufficio del comune a effettuare i controlli e cercare chi non paga, in modo che a pagare le imposte siano tutti i cittadini e non solo i soliti fessi.

    • cittadino f ha detto:

      Signor Pietro , io penso che le leggi , le regole, le norme sono per tutti , pertanto anche per l’amministrazione , se dopo 5 anni entrano in prescrizione è INUTILE cercare .Tutti ti diranno che hanno pagato e che hanno buttato la ricevuta .Certo è grave che gli uffici siano in ritardo di 5 anni .
      Purtroppo i comuni dal Nord a Sud hanno problemi con lo scarico ,ma mi creda per esperienza personale , entro l’anno ti chiedono la ricevuta di pagamento e tante tante scuse se l’errore era dell’amministrazione .
      Forse la cosa migliore è di cercare ,non so come, di velocizzare queste procedure, io ho paura che in questo momento storico molto particolare ,anche il più onesto cittadino si sentirà autorizzato a non pagare le tasse (dovere) tanto loro lo vedono quando entra in prescizione

    • Si salvi chi può. ha detto:

      L’illuminazione che chiedevo a qualcuno del “mestiere” era appunto per salvaguardare la professionalità dei funzionari del comune che si occupano di tributi. Intendo dire: è vero quello che sostiene l’Adiconsum o viceversa l’operato dell’Ufficio è stato corretto? Chi può darci lumi se non cittadini che hanno competenza in materia di tributi. Pensavo, per esempio. al Sindaco che professionalmente mi risulta ferrato in materia. Chiaramente legge alla mano.Le opinioni o le difese di ufficio contano poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.