Cresce la platea dei sottoscrittori del Manifesto per Le Fontanelle. Tra i nuovi firmatari anche Giuseppe Tornatore e Lirio Abbate

Forse ti piacerebbe leggere...

8 Commenti

  1. Ultim'ora ha detto:

    Adesso dira’ che anche Tornatore sara’ stato costretto a firmare in quanto ingannato dal mago forest, Silvan e mago Zurli’,minacciato dai rivoltosi e facinorosi del comitato delle fontanelle e dai 12 nemici da cuntintizza. Poi tanto per buttare un po’ di fumo che Tornatore si vuole candidare a Sindaco e ha firmato per questo.

  2. Attore non protagonista ha detto:

    Ma come si fa a sottoscrivere il manifesto?!! Anche se non sono un attore voglio la mia firma sul manifesto, perché credo che Castelbuono meriti un teatro con la T maiuscola. Grazie a chi mi risponderà

  3. Mico ha detto:

    firma a condizione che subito dopo telefoni al sindaco e gli dici: Signor sindaco, u sapi ? ma chi cumminai.. Io non volevo firmare, non ho capito la domanda non mi hanno detto bene per cosa si firmava.

  4. art 723 resa dei conti ha detto:

    aspettiamo sempre di vedere le sue 723 sempre che le abbia mai raccolte, i loro nomi, la bontà della domanda per capire quanti erano in buona fede e quanti se ne sono pentiti

  5. Giuseppe ha detto:

    Se firma pure Vittorio Sgarbi e il sindaco poi gli indirizza una lettera aperta come alla Cucinotta, ci divertiamo sul serio.

  6. Giuseppe ha detto:

    ho la sensazione che questa vicenda del teatro gli stia esplodendo in mano, al primo cittadino. Perché pensava di operare come di consueto per lui, cioè:”si fa come dico io… e basta”, e invece questo suo gesto, stavolta ha innescato una valanga di reazioni. Valanga che gli nuoce politicamente perché se la sua logica è stata: “basta che se ne parli” questa volta si porta dietro un’ombra pesante ed oscurantista di nemico dell’arte delle Muse. Pessima la ricaduta elettorale, che poi è quanto gli brucia, alla luce delle consultazioni del 2022 nella quali spera di restare in sella per altri 5 anni da dirigista del sistema paese. che purtroppo è oggi il paese del sistema. il sistema che egli ha imposto, con i vari “capitozzamenti” in cui ogni forma di dissenso è stata zittita. d’altronde su questo ha ragione, viene dalla “cultura” comunista. Le fontanelle sono diventate una patata bollente, che gli sta esplodendo in mano, e se continua a crescere l’onda del consenso del comitato, che getta un’ombra sulla sua rielezione e sul consenso sulla sua persona, prevedo che dovendo trovare un capro espiatorio scaricherà i progettisti. la cosa peggiore è però che il PD regionale, nelle cui orbite esterne comunque gravita, malgrado le recenti divergenze con i locali, stizzito per l’immagine e la visibilità negativa che si proietta sul nostro cultor degli asini lo metta definitivamente da parte, ed almeno un seggio dei 70 al palazzo delle aquile divenga solo l’ennesimo sogno sfumato, come quello già sognato, e perduto, a Roma

  7. tuttapposto ha detto:

    Ieri, nel massimo del delirio, ha chiesto a quelli del Manifesto di invitare al consiglio comunale aperto di venerdì: Tornatore, Guerritore, Favino, Cucinotta, Fiasconaro e altri. Cioè quelli che sarebbero stati infinocchiati.
    Farebbe prima LUI a invitare invece tutti i dirigenti politici nazionali, regionali e provinciali alle cui porte ha ripetutamente bussato perché intimassero a quelli del manifesto di ammugliarla. Questo è lui, che come sempre ha tutto a posto!!!!

  8. U Re nudi è ha detto:

    È come un animale ferito e braccato sta dando il meglio di sé e si sta giocando il tutto e per tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.