Don Dariu Paparuni, u gnu Cicciu Napulìeddru e u su Ggiuvanni Nuci. Perché e percome degli appellativi preposti ai nomi propri di persona

5 Commenti

  1. ketama ha detto:

    con questo non mi volete far credere che i sudetti sono dei personaggi ma dove siamo arrivati basta con queste cretinate cercate di essere seri non sempre per forza in prima pagina a tutti icosti

    • bastiano ha detto:

      Ma lei ketama, per forza, deve esprimere commenti? E’ più forte di lei, si vede. Un poco di punteggiatura, se non le costa caro, la usi. Ci farebbe capire, forse, cosa vuole dire.

  2. Gino Collesano ha detto:

    Un dissetante aperitivo che ho sorseggiato cercando di trattenerlo in bocca il più possibile per gustarne meglio gli aromi . Così quanto da te sapientemente amalgamato a quel pizzico di innocente quanta vera ironica satira. Massimo!!! Aspetto il pranzo fino al caffè, dopo… forse solo l’amaro in bocca.
    Complimenti!!!

  3. enzo allegra ha detto:

    i miei complimenti al sig.ketama, si esprime perfettamente come a donparacazzu u spizziali

  4. Sandro Morici ha detto:

    Il prof. Massimo, tra storie di “masci” e di “don”, ci ha fatto uno straordinario regalo di Natale: ci ha proposto memorie e ricordi della nostra infanzia che danno calore ai nostri giorni, ci ha consegnato un affresco di simpatica “antichità” del nostro Paese, ci ha dato qualche momento ameno per sorridere del passato. Il suo “Buon Natale” è di fatto un grazioso diversivo alla difficile situazione di crisi economica e culturale che stiamo vivendo. Per questo gli siamo sinceramente grati.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.