Gaetano Lapunzina sulle vicende del PD di Castelbuono

6 Commenti

  1. pino collesano ha detto:

    ….non volevo rispondere alla sua riflessione sulle ultime vicende del circolo del PD di CASTELBUONO ma da componente del coordinamento del PD di C/B credo proprio senza per altro sembrarle “scortese” proprio per quella opportunita’ a cui fa riferimento LEI,LA invito ad evitare altri interventi,se certe vicende politiche si conoscono come nel suo caso per averle sentite, e non come chi, leggi comp. coord. li ha subitE sulla propria pelle. GRAZIE.

  2. Giovanni ha detto:

    Rispondo al Sig. Collesano
    Siete allucinanti voi del PD. Non accettate nessuna critica nemmeno da chi sta dalla vostra parte, figuriamoci da chi sta dall’altra parte. Ma come ci si può permettere di consigliare ad una persona qualificata come il Sig. Lapunzina di “evitare altri intervent”? Le ricordo, Sig. Collesano, che non siamo nella Russia di Lenin dove non c’era libertà di pensiero. Suo malgrado, siamo in Italia, e qui la libertà di pensiero è sancita dalla Costituzione, ma voi comunisti non l’avete ancora capito, così come lei censura Lapunzina, così Giorgio Bocca ha censurato i magnifici scritti di Gianpaolo Pansa. I comunisti resterete sempre uguali, è inutile che cambiate nome o partito. La vostra arroganza non ha limiti. E’ superiore a quella di Berlusconi, siete peggio di lui.

  3. Gaetano Lapunzina ha detto:

    Sono intervenuto sul Gruppo Facebook del PD Madonie. Non sono stato io a inviare il commento al Giornale. Voglio fare notare che su quel Gruppo sono stati gli Esponenti del Circolo di Castelbuono, in primis il Segretario, a chiedere un coinvolgimento del Territorio sulla vicenda. Ed insistere affinché chi aveva qualcosa da dire la dicesse. Delle due l’una…

  4. vigliacchi ha detto:

    Sig. Collesano ma non si è dimesso dal Coordinamento? Ma il Coordinamento non è dimissionario?

  5. Mario ha detto:

    Analisi perfetta, ci vuole qualcuno che ci ricorda che Gesù è nato 2013 anni fa,e di Messia in giro no ce ne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.