Il Comune di Castebuono concede in comodato d’uso alcuni locali comunali a 9 cittadini provenienti da centri di formazione professionale

Forse ti piacerebbe leggere...

14 Commenti

  1. Antonio ha detto:

    Ma praticamente questi nove cittadini cosa dovrebbero fare?

  2. rita ciolino ha detto:

    bella risposta!!!!!!!!!!!

  3. gnurantuni ha detto:

    Caro sindaco, perdonanami se ti contraddico, ma sti tizi che ti sei messo a casa non sono pagati per fare quello che dici tu. Forse è la tua presidente del consiglio che ti ha infinocchiato queste fesserie per motivi che è facile intuire. SVEGLIA sindaco……….

  4. Spudoratamente ha detto:

    Per Antonio: se prima di azionare le dita useresti gli occhi e di seguito il cervello avresti letto cosa i servizi che renderanno ai comuni cittadini.
    Per Giovanni: Col caxxo che prendono gli stipendi regolari ogni fine mese, io sfido chiunque ha famiglia a portarla avanti prendendo uno stipendio in modo spudorato nella media di ogni 6 mesi e quindi in arretrato di 20 mensilità.
    Perchè il comune non deve sfruttare queste risorse pagate dal Ciapi? E’ una bella iniziativa, almeno i 9 cittadini abbattono le spese di viaggio. Brutta cosa l’INVIDIA!!!!!!

    • giuseppe ha detto:

      E se tu usassi la lingua italiana prima di azionare le dita e il cervello sarebbe molto meglio

    • Antonio ha detto:

      Nel testo c’è scritto “I servizi offerti sono:…” Ma se questi nove cittadini non sono stati capaci di trovare un vero lavoro per se stessi, come possono informare, orientare e sostenere i disoccupati?
      Anzichè nella “formazione” perchè non impieghiamo la gente in opere utili: strade, ferrovie, porti, telecomunicazioni, energie rinnovabili. Tutte opere che possono agevolare l’agricoltura, l’industria, il commercio e il turismo.
      I soldi facili fanno più male che bene. Nella storia di Pinocchio, i bambini che andavano nel Paese dei Balocchi venivano poi trasformati in somari! In una Nazione, i cittadini pasciuti dall’assistenzialismo diventano inconsapevoli vittime di un sistema perverso che fa arricchire pochi e fa impoverire molti, economicamente e moralmente. Proprio questo vogliono i “politici”!
      I lavoratori della formazione non si devono lamentare se ricevono lo stipendio con ritardo, piuttosto devono pensare a tutto quello che hanno avuto in questi anni, per pura e semplice raccomandazione, senza mai fare un concorso.

  5. Castelbuono-LIVE ha detto:

    Per correttezza nei confronti dei lettori e dei commentatori teniamo a precisare che abbiamo deciso di non pubblicare alcuni commenti a corredo di questo articolo.
    Ci riferiamo in particolare agli utenti Bastiano e Zanzara Castelbuonese. I commenti non pubblicati contengono infatti considerazioni che, seppur lecite, possono risultare assai pesanti e a nostro parere offensive, sopratutto se pubblicate in forma anonima. La nostra posizione cambierebbe qualora i suddetti commenti venissero firmati con nome e cognome reali.
    Saluti
    Redazione CastelbuonoLive

  6. zanzara castelbuonese ha detto:

    Cara Redazione, condivido perfettamente la Vs posizione.
    A mio modestissimo parere queste nove unità a poco servono, ma sono pronta a cambiare idea qualora mi si dimostrasse che quello che penso io è sbagliato. Molte figure professionali prestano attività lavorativa per “Enti di formazione che non hanno mai formato nessuno” Se siete informati di qualche soggetto che, a seguito di frequenza di questi corsi abbia poi trovato un lavoro, cortesemente, potete delucidarmi?
    Se la motivazione Ufficiale dell’impiego delle dette unità è quella di seguito riportata “l’ amministrazione, in un momento così delicato e difficile da un punto di vista sociale come quello che stiamo attraversando, ritiene essenziale un rapporto sinergico tra Comune e servizi per l’impiego quale via indispensabile per assicurare ai giovani metodologie e strumenti finalizzati al miglioramento dell’occupabilità e alla spendibilità delle loro competenze”, nella realtà queste figure continueranno a fare cosa?
    Non dimentichiamo gli scandali che hanno coinvolto un pò tutti gli enti, non ultimo i dipendenti regionali che dirottavano i pagamenti sui propri conti correnti, o anche fare iscrivere ai corsi i parenti più prossimi per raggiungere il limite minimo e potere ricevere così i finanziamenti, Giacchetto e gli appalti truccati, l’autoformazione fatta in casa e regolarmente retribuita, soggetti arrestati per truffa e peculato, etc.
    Fatto sta che, nonostante gli innumerevoli corsi che questi enti hanno promosso, in Sicilia un giovane su tre non ha un lavoro!

    • Castelbuono-LIVE ha detto:

      Scritto così il suo commento va più che bene,
      😉
      Saluti

    • bastiano ha detto:

      Cara zanzara il mio commento era la sintesi di quello che scrivi tu (forse troppo sintetico). Avevo solo aggiunto, senza dire nulla di falso o di offensivo, che la specializzazione degli addetti ai corsi di formazione a Castelbuono, come dappertutto, erano le campagne elettorali.Poi se vogliamo far finta di niente….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.