“Il lupo perde il pelo ma non il vizio”. Considerazioni politiche della Costituente sullo scorso Consiglio comunale

Forse ti piacerebbe leggere...

8 Commenti

  1. pensatore libero ha detto:

    Nessuno riuscirà a isolare i componenti della Costituente, né quando attacca, né quando blandisce, perché le nostre decisioni sono collegiali.
    La capogruppo Anna Maria Cangelosi agisce con libertà di giudizio ed ha l’appoggio e la condivisione di tutti noi, che siamo in tanti.
    Come avete detto anche voi nel post , riferendovi ad altri, “delle due l’una”.
    Prestate un pò più di attenzione a dare deleghe in bianco, altrimenti sarà facile ritrovarvi anche voi nelle condizioni della compagine che sostiene l’attuale sindaco.

  2. viscè ha detto:

    Non potendo gioire di un cambiamento amministrativo e politico, almeno ci si può consolare con un’opposizione finalmente capace e all’altezza del ruolo che ricopre.

  3. Biscotto ha detto:

    Su dai, non fate così! Lo so, Mario è un Gianburrasca e le spara grosse, ma è simpatico e affettuoso. Per cui adattatevi

  4. Peppe ha detto:

    E poi è uno che vive la politica come servizio, al servizio di noi cittadini, uno che ci mette di tasca per fare politica, in un mondo dove si cerca di vivere di politica. Io lo voterei sempre!

  5. Antonio2 ha detto:

    Sembra che finalmente a Castelbuono ci sia un’opposizione! Forse all’attuale amministrazione da’ un po’ “fastidio” (non era più abituta), ma questa è la democrazia. Spero solo che La Costituente continui a vigilare e a proporre soluzioni alternative così come sta facendo in questi primi mesi.

    • La monica di Monza ha detto:

      Il problema è che il sindaco soffre il mal di democrazia

    • legionario ha detto:

      Basta con ste menate, fare opposizione non è sicuramente questo, questo è più giusto chiamarlo aventino. Poi vorrei sapere dove sta la proposta alternativa in questo caso, finitela di fare interventi quali truppe cammellate.

      • legione straniera ha detto:

        legionario ciò che dici è vero. Fare opposizione non è sicuramente questo. Fare opposizione invece significa prelevare i consiglieri all’altro gruppo dietro lusinghe, promesse e stimolazione di desideri repressi, significa seminare l’odio, significa costruire dossier su ogni avversario per potere intimidire e neutralizzare ogni tentativo di contrapposizione politica. Hai ragione anche quando dici che questo (cioè non andare a una manifestazione elettorale travestita da consiglio comunale) è più giusto chiamarlo Aventino. Invece disertare per due anni tutti i consigli comunali insieme ai consiglieri sottratti alla maggioranza per far mancare il numero legale non è Aventino. Cosa è Esquilino? O Quirinale? Siete senza vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.