Il ruolo della governance territoriale per lo sviluppo di politiche di rigenerazione delle aree interne

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. La verità ha detto:

    Ma negli ultimi 30 anni chi ha distrutto il paese????

  2. Salvatore Abbate ha detto:

    Condivido molti ragionamenti, in primis avere un progetto di lungo termine cross politico di lungo termine. Le madonie, da figlio e nipote di autotrasportatori, sono state e potrebbero essere fucina di produzione immensa e di ricchezza per una città come palermo, un tempo centro dei commerci. Le infrastrutture sono carenti, il costo di immissione nel mercato di questi prodotti ahimè ne risente tantissimo. Al di là di famose aziende che puntano a nicchie di mercato e prodotti ad alto valore aggiunto, tutto il resto nel comprensorio madonita è scomparso. La causa non è solo attribuibile alla politica, ma anche agli stakeholders (imprenditori) che non sono stati capaci di fare network (rete), associarsi e avere un peso nei tavoli che contano. Penso che, considerando il periodo storico in essere, la Sicilia ha una opportunità unica, in quanto strategicamente favorita per la nuova rotta dei commerci, la scarsezza di import di grano e dei foraggi dai paesi esteri, il turismo tendono conto che la pandemia e l’attuale guerra sfavorira i viaggi degli europei a lunga percorrenza. Queste opportunità devono essere sfruttate con diligenza, da un gruppo politico non più improvvisato, ma che sappia agire con consequenzialita’ su tantissime piccole cose, che mattoncino dopo mattoncino creano un sistema virtuoso. Il futuro è di chi lo vivrà, sono speranzoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.