Il segretario del PD Michele Di Donato in merito agli attacchi di Castelbuono in Movimento

5 Commenti

  1. controcorrente ha detto:

    Dagli ultimi interventi fatti da Lei, nella veste di Segretario del PD, ho l’impressione che si è scesi nel “curtiglio”, non sono dichiarazione politiche nè tantimeno costruttive per il Paese. Le chiedo di intervenire per portare avanti proposte serie in questo momento in cui TUTTI I COMUNI hanno problemi di bilancio e di entrate, situazione che si ripercuore nella vita di noi cittadini.

  2. paolo ha detto:

    é vero, “notiamo che dagli ultimi giorni il coordinamento politico Castelbuono in movimento si è messo all’opera……”e forse ERA ORA visto che sin adesso NOI CITTADINI abbiamo sentito solo le VOSTRE versioni delle cose, che sicuramente come le loro, sono solo di parte. Noi, come i giudici, abbiamo bisogno di sentire le 2 campane, e quello che abbiamo visto e sentito sin ora, è stato solo uno “S”parlare contro l’attuale sindaco, l’attuale amministrazione, e nessuno ha Mai scritto che il segretario del PD o i componenti del PD si sono messi all’opera per…… scrivono per…..o che ne so io. Smettiamola e pensiamo al bene comune e non al fatto personale.purtroppo il marcio c’è sempre stato, anche in passato, c’è solo una differenza… attualmente c’è un gruppo agguerrito contro la nuova amministrazione che mette in piazza tutto, in passato invece, non c’era questa spietata comunicazione…..c’è però secondo me molto accanimento, purtroppo a volte anche “personale”.
    Per l’oramai risolta questione Marguglio-Capuana ritengo al di la dei torti o delle ragioni di ENTRAMBI, che dietro un effetto c’è sempre una causa e che AZIONE e REAZIONE non sono la stessa cosa, per cui senza l’azione non ci sarebbe stata la reazione! sarebbe comunque importante scindere la politica dal personale.
    io ho assistito a molti consigli, e devo dire che se quella sera al Capuana gli è venuta meno la “necessaria serenità”…. di serenità ne manca a molti altri già dal primo consiglio e non solo, forse anche da prima.
    Poi possiamo definire scorretti, irrispettosi o non so cos altro, sia coloro che hanno intrattenuto conversazione con il Spallino, sia chi ha “cinguettato”, …….MA in modo diverso.
    condanno il Genchi solo ed esclusivamente per non aver comunicato prima dell’inizio quella che sarebbe stata la sua attività. e se poi dobbiamo parlare di disinformazione, generalizziamo, non è da attribuire solo ad una parte.
    Non si può parlare di creare “SCANDALO” solo perchè un coordinamento comincia a scrivere, perchè in questo caso potremmo dire che lo scandalo è già iniziato da un bel pò, non possiamo puntare sempre il dito contro gli altri, o peggio ancora non si può puntare il dito contro chi solo adesso inizia a scrivere pubblicamente mettendo in opera “un fuoco di sbarramento….”. FORSE solo per contrastare i numerosi comunicati, i numerosi post, le numerose polemiche e forse anche qualche disinformazione…… del resto si sa….. ognuno cerca di tirare sempre acqua al suo mulino!

  3. Peppe ha detto:

    Ma Fanino Pappalardo che, oggi appoggia il finiano Aricò alle regionali, con la sua associazione è il pezzo mancante di quale schieramento? Perchè Di Donato può scrivere e il Coordinamento di Castelbuono in movimento no? Questo, secondo Di Donato, vale anche per Castelbuono Libera? Con quale “politica” Di Donato difende il comportamento scorretto in Consiglio Comunale, del Consigliere Genchi, quando ha fatto notare, in altre occasioni, che l’Assessore D’anna è stato visto guidare il motorino senza casco? Qual’è l’azione programmatica che Di Donato ha per questo paese, visto il ruolo che ricopre? E ancora scrive Di Donato “Vorrei, poi, capire cosa vuol dire: “…il tentativo maldestro, tramite stretta di mano…”. Quando si offre una stretta di mano a qualcuno, lo si fa e basta. Non esiste un tentativo maldestro di stretta di mano, a meno che chi la offre non inciampi nel momento in cui tende la mano!” Ma Di Donato lo sa che nella storia politica di Castelbuono Gino Carollo del PCI e il Senatore Carollo della DC, dal palco si bersagliavano politicamente e poi andavano al bar insieme, nel rispetto reciproco e senza MAI fare attacchi personali, come spesso fa lui?? Altro stile, altra storia. Vede Di Donato, lei, prima di scrivere, dovrebbe farsi raccontare la storia di questo paese, gli uomini politici e non che l’hanno compiuta. Noi Castelbuonesi siamo abituati a lotte politiche che nulla hanno a che vedere con i suoi comunicati, ma che ci hanno sempre contraddistinto per la serietà e la voglia di fare di tutti gli schieramenti, compreso, fino a qualche tempo fa, quello di cui lei fa parte, nell’unica convinzione che amare questo paese, significa onorarlo con la bella scrittura, densa di significati, con le azioni concrete, non con il curtiglio. Sarò nostalgico di una certa stagione, sicuramente, ma oggi trovo ci sia pochezza, ci sia guardare il pelo nell’uovo e non vedere, prima, se l’uovo è marcio o no!

    • militante castelbuonese ha detto:

      La differenza tra il Suo commento e quello del segretario Di Donato sta proprio nello stile. Il comunicato del segretario è una chiara risposta alla politica inventata dal coordinamento di Castelbuono in Movimento, politica volta a delegittimare il ruolo dell’opposizione per nascondere l’assoluta incapacità dell’amministrazione. Il Suo commento invece è un meschino attacco personale ad una persona il cui unico interesse è la crescita sociale, politica, culturale di un gruppo politico, in questo caso il Partito Democratico (significativa è la massiccia partecipazione dei giovani all’attività del circolo), e di tutta la comunità castelbuonese.

  4. Pidì ha detto:

    Se questo è il nuovo che avanza, preferisco il “vecchio” altro che rottamazione! Pd SVEGLIATI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.