Il Sindaco Cicero interviene sulla questione amianto. Ordinanza di chiusura delle scuole interessate fino alla bonifica

13 Commenti

  1. Basta ha detto:

    Mi scuso per la superficialità dei nostri collaboratori……? Siamo alle solite, scaricare le responsabilità su gli altri è un atto che non voglio neanche definire!

  2. Gentilmente una risposta :( ha detto:

    Premesso che in data 29 marzo veniva accertata la presenza di pannelli in amianto….bla bla bla….
    qualche domanda sorge spontanea: Chi ha abbandonato le lastre in quello spiazzo? chi ha dato l’autorizzazione allo scarico ? Le scuse non bastano più. Episodio increscioso. chi ha dato l’autorizzazione paghi per la sua “superficialità”.

  3. maria ha detto:

    L’ordinanza poteva essere predisposta anche sabato o Domenica, vista la gravità della situazione! E poi così velocemente la rimozione non potrà avvenire, da quanto dicono i ben informati e le persone coinvolte! Inoltre vogliamo risposte sulla continuità delle attività scolastiche (dove e quando riprenderanno) e vigilanza sui lavori da eseguire e la bonifica di tutta l’area dopo la rimozione! VERGOGNA

  4. Giuseppe ha detto:

    Dimissioni… Dimissioni… Dimissioni…

  5. Aprl 1 ha detto:

    Collaboratori dipendenti infedeli la colpa e sempre degli altri non c e problema ora si dimette….. Vi piacissi eh eh tutto a posto, era solo un pesce d aprile bue chi ci crede

  6. il dubbio ha detto:

    la domanda sorge spontanea: …ma i collaboratori del sindaco …non fanno sempre ciò che dice il sindaco?…ma di cosa stiamo parlando…?

  7. ASPETTO RISPOSTA ha detto:

    Il sindaco dovrebbe spiegare in che cosa consiste la superficialità dei collaboratori. Secondo me non si tratta di superficialità ma di un atto di una gravità immensa: danno alla salute della gente.- Poi questo comportamento dei collaboratori è stato un operazione fatat di testa loro in autonomia o è stato loro comandato di spostare e occultare l’eternit? Se è stato un comportamento non ordinato da un superiore allora i collaboratori debbono pagare le conseguenze, se sono stati comandati paghi chi li ha comandati. ASPETTO RISPOSTE.

  8. Rischiatutto ha detto:

    QUIZZONE: Chi sarà la vittima sacrificale?

  9. Be quiet ha detto:

    Sicuramente il fatto risulta essere grave, ma non facciamo inutili allarmismi, I tetti delle case di castelbuono sono pieni di onduline in eternit, eppure non mi sembra che siamo tutti rinchiusi in casa o non andiamo alle manifestazioni in piazza castello. Credo che, adesso che si è trovata una soluzione, sia utile abbassare I toni, altrimenti, in pura obiettività, non dovremmo più passeggiare per il paese.

    • Ma come si può ha detto:

      L’unico concetto giusto del tuo commento è fino alla prima virgola. Il resto solo parole messe una dietro l’altra per cercare di giustificare l’ingiustificabile.

      • Faccia da contrappeso ha detto:

        Bi quaiet sarà un messaggero degli dei. Non uno dei soliti 12. Uno dei rimanenti. Di quelli che ci mettono sempre la faccia

  10. amiamo l'amianto ha detto:

    Quindi si può continuare a conferire eternit all’isola ecologica e dall’altra parte si può continuare a tenerla bella incartata all’interno dell’isola oppure vicino a qualche scuola. Il tutto in silenzio, tenendo bassi i toni perché qualcuno potrebbe essere disturbato, senza fare INUTILI allarmismi…, che bisogno c’è? Ma perchè preoccuparsi? La legge dello stato sullo smaltimento dell’amianto l’avrà fatto qualcuno che non aveva nient’altro da fare!! Ma perché, l’amianto fa male? Ma fatemi il piacere!!!!

  11. La Verità ha detto:

    Il fatto in sé per sé non è così grave, Castelbuono è piena di Eternit. È grave il modus operandi. Un amministratore non può agire così, illegalmente. Non si è trattato di superficialità, ma di un gesto inqualificabile. Quindi, anche se non ci saranno sanzioni giuridiche, l’unico provvedimento morale (se ancora esiste la moralità) è uno solo: DIMISSIONI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.