Il Sole 24 Ore: “Castelbuono avvia il modello concreto di South Working”

14 Commenti

  1. il mondo sottosopra ha detto:

    Mah!, un finissi mai di diri mah!

  2. Antonio ha detto:

    Iniziativa probabilmente fuori tempo, di circa un anno. Perché si è capito che comunque l’interazione in presenza vale comunque di più in termini di produttività, google sta iniziando a invertire la tendenza;
    https://www.trend-online.com/tecnologia/smart-working-google-amazon/#:~:text=Google%20chiamer%C3%A0%20i%20suoi%20dipendenti,a%20casa%20in%20smart%20working.

    https://www.milanofinanza.it/news/google-fa-tornare-tutti-in-ufficio-202103182118239964

    sebbene questa ondata pandemica, che si spera sarà risolta con la vaccinazione di massa, abbia portato grandi mutamenti ed accelerato fenomeni in essere, ha anche evidenziato che l’alienazione atomistica del lavoratore terziario produce effetti collaterali sia sulla salute psichica dello stesso (e questo è interesse della società) e sulla produttività aziendale (e questo interessa le aziende e gli azionisti delle Public Companies)

    • Qualcuno che legge gli articoli ha detto:

      Se piuttosto che postare, senza leggere solo il titolo, leggeste anche il contenuto degli articoli leggereste che:

      “Con l’avanzare della campagna vaccinale statunitense, Google sta già programmando l’addio allo smart working e il graduale ritorno in ufficio dal 1° settembre 2021: sono stati fissati una serie di paletti restrittivi per i lavoratori che decideranno di rimanere in smart working (anche in altri Paesi). Tutti i dipendenti saranno posti di fronte a una scelta: continuare a svolgere le proprie mansioni con le modalità di lavoro agile (da casa) o abbandonare la propria casa per tornare in ufficio (senza obbligo vaccinale).”

      Google chiederà semplicemente ai suoi dipendenti di SCEGLIERE

  3. Fatemi capire ha detto:

    Uno dei tanti ingegneri di Castelbuono che vive fuori, torna e lavora a distanza. Ma perché se ne dovrebbe andare a lavorare a Casa Speciale e non starsene comodamente a casa sua, magari mezzo nudo o vestito come gli pare? E perché dovrebbe andare a dormire al B&B e mangiare al ristorante?
    Al ristorante magari ci va quando vuole e non quando è in pausa pranzo. Al B&B non andrebbe in ogni caso.

    Uno dei tanti ingegneri o bancari della provincia di Agrigento o Ragusa o Siracusa che torna a casa sua per lavorare a distanza. Ma perché se ne dovrebbe venire qui al castello a lavorare? e pagarsi il B&B e il ristorante e tutto? E forse anche la tassa di soggiorno?

    • Antonio ha detto:

      E’ infatti di tutta evidenza che l’oriundo se ne va a casa sua, con internet che va…così cosi. il cellulare che non prende, ma per enogastronomia sta a casa sua che è il miglior posto del mondo, idem dicasi per il letto. I nostri ingenui amministratori sperano di attrarre evidentemente un alloctono, magari anche non italiano, che si stabilisca qua a lavorare. Senza voler fare il menagramo, però la mia umile opinione è che le postazioni di Co-working resteranno libere. ben felice se potro vedere Mr.WIlson o Herr Schultz occuparle

    • Qualcuno che legge gli articoli ha detto:

      Forse andrebbe nei coworking perchè vuole evitare il burnout e vuole stare in compagnia creando network e conoscendo persone sempre diverse che lavorano in posti diversi per arricchire la propria cultura e il proprio modo di lavorare?

  4. Fatemi capire ha detto:

    ma Mr.WIlson o Herr Schultz qualora decidessero di fare una cosa del genere (e qualcuno c’è già a Castelbuono) si affitta una casa si mette la fibra e si prepara da mangiare.

  5. North Worker ha detto:

    Bellissima iniziativa. Ma se poi il “south worker” per rispondere al telefono deve uscire dal castello o da San Francesco perché il telefono dentro non gli prende, preferirà andarsene altrove.
    Ringraziamo gli illuminati amministratori degli anni 90 (che sono sempre gli stessi di oggi) che non hanno fatto installare i ripetitori dei telefoni atll’interno del centro abitato.

  6. Solo per il nulla ha detto:

    Solo per i giornali
    Solo per la consulenza
    E per quanto è costato (tutto compreso)

    Il nulla

  7. Sommo Poeta ha detto:

    “South Working”….. “coworking”…. “burnout”…. “network”…..

    “Maremma la maia….a impestata! Ma ché lo scritto a fare la Divin Commedia ne lo volgo italico, se secoli dopo avessi lo saputo che avreste usato lo volgo de li britanni! Maremma bucaiola”

  8. secondo me ha detto:

    diffidate da chi usa tutti questi anglismi; solitamente chi lo fa è perché non sa che cosa dire

  9. Paolo Cicero ha detto:

    Voglio dire ai detrattori, ovviamente anonimi, che forse hanno solo guardato il dito mentre chi ha lanciato l’iniziativa voleva additare la luna. Come è naturale che avvenga quando qualcuno innesca idee innovative, pur se già presenti altrove.

    Il “South Working” potrebbe essere, e il condizionale non è dettato tanto dalla forza dell’idea ma dalla capacità di amministrazioni e popolazione di comprenderla e sfruttarla appieno, una leva formidabile per spostare, finalmente, il lavoro nei luoghi dove le persone stanno meglio, invece di spostare le persone dove il lavoro è disponibile. E tutto questo mantenendo tutti i requisiti di sicurezza, efficacia, facilità, che può offrire un ambiente progettato a questo scopo, molto più che la propria casa.

    Che poi l’ambiente di “South Working” creato a Castelbuono, possa aver ancora bisogno di messa a punto, è naturale e comprensibile come avviene in tutte le cose che iniziano dal nulla.

    Magari bisognerebbe chiedersi se per migliorarlo, oltre alla capacità di chi lo ha creato, serva una maggiore disponibilità di chi potrebbe agevolarlo

  10. BeyondTheAlpsWorker ha detto:

    Sì, andiamo dietro alle minchiate dal gustoso sapore anglofono e continuiamo a dimostrare a tutti che al Sud non è possibile investire e fare impresa! Trasformiamo Castelbuono e tutta la Sicilia nel più grande “dormitorio” del Nord, dove le aziende hanno la sede e operano. Ma vi rendete conto di quanto sia impossibile, negativa oltre che infantile la vostra proposta? Le aziende sono comunità sociali, proprio come la scuola. Dove si apprende, ci si confronta, si lavora insieme per un obiettivo/progetto condiviso. Questa forma di flessibilità sul lavoro può essere utile in questo periodo di pandemia, ma di certo non è la soluzione in quanto rappresenta un isolamento, ma soprattutto non è possibile amministrare a distanza il cento per cento del lavoro.

    Torniamocene tutti a Castelbuono così da affermare davanti a tutto il mondo (quello che ci guarda) che siamo buoni solo a cucinare, mangiare e a far festa. Mai che ci sia un amministratore, un presidente di qualche associazione, che si sprema le meningi per fare in modo che i tanti lavoratori siciliani che vivono al Nord possano ritornare, investire e far impresa in Sicilia. E con impresa non intendo il piccolo ristorante di paese, tanto meno il pub o il localetto di periferia (che sembrano solo le uniche alternative alla pedata in culo per un più sicuro lavoro in uno dei tanti stipendifici regionali). Perché non iniziare mettendo a disposizione idee e, perché no, anche qualche locale (dei tanti abbandonati/chiusi) dove sarebbe possibile produrre/ingegnerizzare qualcosa? Anche se questa fosse solo una minima parte di un prodotto assemblato poi altrove.

    Invece no, culliamoci su quanto è bello il panorama, su come si mangia bene, su quanto è bello passeggiare a chiazzannintra. Il più grande fallimento di questa comunità è che non si dà, non si è dato e non si darà spazio ai propri figli, a quelle generazioni del futuro (costrette invece altrove), così tanto acclamate in comizi e programmi elettorali, ma buone solo a fare numero in riunioni (che quasi sempre finiscono “a cura i surci”) per progetti già falliti in partenza (si veda Fondazione Con Il Sud: che ha portato realmente? Il progetto manna, sembra essere svanito nel nulla; eppure doveva essere il più valido).

    Immaginate un proprietario di uno dei tanti ristoranti/imprese del paese con diversi dipendenti. Amministrerebbe lui, il suo lavoro e i suoi dipendenti, da remoto? Mandando email, facendo video/telefonate/whatsapp ecc comodamente seduto in un museo a centinaia di km di distanza dalla sua attività?

    La verità cari amministratori castelbuonesi è che voi non avete mai realmente lavorato, altrimenti non vi sorgerebbe mai il pensiero, nemmeno per un istante, di scrivere e proporre queste colossali puttanate. Fate una cortesia a coloro che veramente vogliono lavorare e proporre qualcosa di utile a questa comunità: tornate sugli alberi!

    • Qualcuno che legge gli articoli ha detto:

      Vorrei rispondere al BeyondTheAlpsWoker che non si interroga, da dietro le alpi, su alcuni aspetti fondamentali dell’iniziativa portata avanti dai ragazzi.
      Se c’è la fame in Africa, vuol forse dire che in parallelo non può esserci la guerra in Libano?
      E se ci si impegna a risolvere la guerra in Libano, non abbiamo risolto forse uno di due problemi di grossa importanza?

      Con questo voglio dire che l’iniziativa punta a risolvere uno dei grossi problemi che affligge la nostra terra: impedire che le competenze dei nostri giovani e dei nostri ragazzi vadano altrove non arricchendo, con la loro partecipazione alla vita attiva del paese, il nostro territorio.
      Non è volta a creare impresa, quello è un altro grosso problema che affligge il sud italia ma ciò non vuol dire che non possiamo risolvere un problema per poi pensare all’altro.

      Dal di la delle alpi, non arriva forse l’idea che questa iniziativa possa portare anche solo un lavoratore del nord italia al sud? Non è forse questo un successo per noi e per il nostro paese? Non è forse un’iniziativa da lodare lo sfruttamento di locali pubblici altrimenti non utilizzati per far si che si abbia un centro e un punto di aggregamento per i professionisti?
      E se quei lavoratori diventano più di uno? E se da quelle sinergie, altrimenti impossibili da creare, nascesse qualcosa? Nascessero progetti per il territorio? Voglia di mettersi in gioco DA VICINO alla propria terra?

      Queste domande, qualcuno, non se le pone?

      L’idea che questa idea faccia schifo solo perchè sponsorizzata dalle istituzioni pubbliche e nell’attuale presente da Mario Cicero fa ribrezzo. A nessuno viene mai in mente il senso civico? L’amore per il proprio paese? L’amore per i propri affetti che sono stati strappati con forza perchè al sud purtroppo non riusciamo a fare impresa?

      A nessuno viene in mente che se le aziende vedono una grossa affluenza di gente che porta avanti l’iniziativa di South Working possano pensare di stanziare qui una propria sede?

      Domande, così, nel vuoto. Perchè prima di sparare a zero sulla solita amministrazione da cui prendo le distanze perchè privo di interessamento politico, si pensi che dietro questo ci sono dei giovani e dei ragazzi che stanno lottando contro i retaggi di una terra che li ha allontanati e nonostante tutto ce la stanno mettendo tutta per tornare

      Un saluto, da chi è purtroppo costretto ad andare oltr’alpe ma vorrebbe tornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.