Isnello. Dalle scarpette rosse alle babbucce rosse: Indietro tutta!

Forse ti piacerebbe leggere...

12 Commenti

  1. Casteddrabunisazza tinta e malapinsanti ha detto:

    Una volta i “nimici da cuntintizza” erano solo a Castelbuono ed erano dodici.
    A Isnello sono di meno ma hanno evidenti agganci con gli “enemy of happiness”

  2. Forestier* ha detto:

    Wow! Certo è che ci sono voluti tre giorni per elaborare un’attenta valutazione dopo questa manifestazione da parte di questa “attentissima” opposizione.
    Certo è che tali affermazioni, non solo provengono da chi non collabora, ma offendono l’impegno mandato avanti dai volontari che nulla vogliono in cambio se non un minimo di rispetto.
    Oppositori, continuate cosi che fra 5 anni neanche in consiglio siederete.

    • gianpiero caldarella ha detto:

      Car* forestier*, tre giorni le sembrano troppi? Guarda che non è mica un balletto su Tic Tok, e poi se pensa che dopo più di tre giorni le babbucce sono ancora là, non mi sembra che il tempismo sia la qualità di questa “babbucciosa” maggioranza.
      Infine, dal momento che mi sembra che conosca bene le dinamiche di Isnello, parlare di non collaborazione fa un po’ ridere quando: 1) i consigli comunali si fanno ogni cambio stagione; 2)non si sono mai fatte le conferenze dei capogruppo anche solo per decidere l’ordine del giorno dei consigli; 3)non sono mai state convocate le commissioni consiliari; 4) le comunicazioni riguardo alle iniziative su cui dovremmo essere informati (vedi consiglio comunale aperto di Castelbuono ecc) spesso non arrivano a destinazione; 4) la campagna elettorale è stata piena di insulti; 5) non si intende chiaramente la differenza tra collaborazione e subordinazione; 6) parlare di trasparenza è come parlare di nebbia in Val Padana, tanto che dopo diversi mesi che abbiamo richiesto la diretta streaming dei consigli comunali, ancora bisogna sviscerare le leggi sulla privacy; 7) la partecipazione è sempre intesa a cose fatte e mai nel momento della progettazione.
      Fossi in lei non mi preoccuperei di chi siederà in Consiglio fra 5 anni. Il tempo è galantuomo ma volte corre più veloce di quanto si possa immaginare. Avanti così o meglio “Indietro tutta”. Cari saluti

      • Forestier* ha detto:

        Dal risultato di queste risposte si capisce che troviate più tempo per scrivere che per fare raccogliendo quella 20ina di like che ottenete mandando sull’attenti i vostri . Buon per voi se vi fa sentire delle persone migliori. Continuate cosi!

        • gianpiero caldarella ha detto:

          inizi con l’imparare a scrivere il suo nome prima di dare consigli sul fare cosa. Non ho mai messo nessuno sull’attenti, le truppe cammellate le cerchi da un’altra parte e se mi posso permettere un consiglio, si rilassi, a giudicare dalle sue parole e da come descrive certi fatti mi sembra ossessionat* dall’idea di fare carriera politica. Non sta a lei dare patenti sulla qualità delle persone, se lo ricordi bene mentre continua a rodere.

          • Forestier* ha detto:

            Riporti i consigli su stesso, poi potrà pensare agli altri, poiché noto un certo risentimento che con la politica non ha nulla a che fare.
            Inoltre, dalle regole di questo posto si può scegliere di scrivere o meno il proprio nome, sta agli altri poi se scegliere di rispondere o lasciar scorrere. Ora la lascio ai suoi impegni isti… ah no, pardon virtuali.

            • gianpiero caldarella ha detto:

              La politica per come la intende lei è qualcosa che mi disgusta, un mix di arrivismo, leccaculismo e arroganza e sono contento di non avere niente a che fare con questa poltiglia informe.
              Inoltre, da come giustifica la sua vigliaccheria, per lei normale “date le regole di questo posto”, ritengo che non avrebbe nessun problema a commettere abusi di qualunque tipo se “le regole del posto” lo consentissero. La sua coscienza e il suo onore, intanto, saranno stati smarriti lungo la strada. Non è neanche capace di metterci la faccia e ha il coraggio di parlare di politica. Mi viene da ridere. Sono io a lasciarla ai suoi impegni istituzionali e mi raccomando i selfie, l’unica cosa che forse rimarrà del suo “brillante” e vanitoso cammino. Ho già speso troppe parole per una persona come lei, così la pianto in ass.

    • melina ha detto:

      Invece a lei, alla prossima tornata elettorale la porteremo come sindaco di Isnello, il seguito c’è, il risultato è assicurato!

  3. Melina ha detto:

    Sull’attenti forse è abituato a stare lei. La libertà è l’unica cosa di cui andiamo fieri e nessuno spero potrà mai toglierla, a noi come a chiunque voglia fare critiche. Non siamo servi di nessuno! Che sia chiaro, poi se vuole il confronto basta che tolga l’anonimato e poi ne possiamo discutere, anche di presenza!

  4. Claudio ha detto:

    La verità è che le vostre illazioni del tutto errate vi stanno portando fuori strada, affermando dei presunti colpevoli. Vi sta sfuggendo l’unica cosa vera “forestier*”. Siete voi talmente ossessionati che non capite quanto Isnello sia un paese ammirato dall’esterno. Ripeto, continuate cosi: a scrivere online, a non fare nulla e offendere l’onestà e l’intelligenza altrui. Adesso, vi lascio ai vostri commenti, likes e messaggini. Alla prossima, con una ricetta del pandoro davvero deliziosa. Almeno mi metto alla pari dei vostri contenuti.

    • Melina Vacca ha detto:

      Ma colpevoli di che? Per quanto riguarda Isnello sono consapevole di quello che vale , e di quello che ci può dare. Infatti non ha bisogno di ulteriori migliorie, se migliorie si possono chiamare. Basterebbe tenerlo pulito e sistemato ed è già tanto. Per quanto riguarda il non far nulla non so a cosa ti riferisci, forse fare qualcosa significa indossare un grembiule e servire tutti coloro che vengono a visitare il paese? Poi di questi tempi sarebbe meglio , al posto del pandoro fare i “cosi chini” visto i tempi mi sembrano più appropriati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.