Lettera aperta: aiuti alle strutture ricettive e di ristorazione di Castelbuono

3 Commenti

  1. Marco Santoro ha detto:

    All’accurata riflessione aggiungo le imprese castelbuonesi di trasporto persone mediante noleggio di autovetture/bus da rimessa con conducente, collegate direttamente al settore turistico con previsioni di fatturato disastrose per i prossimi mesi.

  2. Castelbuonesi importanti ha detto:

    Preg.mo Ingegnere, Lei ha perfettamente ragione. Ma come affermato l’altro giorno su Rai1 da Antonio Barreca (nipote di Don Totò “u postinu”) giovanissimo Direttore Generale di Confturismo – Confindustria, il turismo rappresenta l’industria più importante nel nostro Paese.
    Purtroppo proprio il turismo, sarà il settore più colpito dal COVID-19. Dal proprietario della catena di grand hotel di lusso, all’ultimo cameriere ad extra, passando per l’autista del bus turistico al pianista di piano bar. Un esercito di categorie e di persone. Quindi non ci potranno mai essere fondi a sufficienza per risarcire tutti, sarà una catastrofe economica, per tutti. Rassegniamoci, malgrado gli striscioni con gli arcobaleni ai balconi, NON andrà tutto bene, saremo rovinati! Purtroppo.

  3. giuseppe ha detto:

    Purtroppo trovare liquidità non è semplicissimo. Il governo Italiano ha trovato l’escamotage del prestito garantito alle banche, assumendosi il rischio delle mancate restituzioni, perchè è già indebitato fino al collo. La Germania, ancora loro, si può permettere di spendere dando soldi a fondo perduto perchè ha un rapporto debito pil al 60% , noi siamo oltre il 150% a causa anche dei nostri contributi a fondo salva stati, ai terremoti, e a causa di una crescita praticamente nulla da decenni. Ci stiamo insomma impoverendo, sebbene il risparmio privato sia più alto della media europea. qualche persona di estrazione culturale post marxista, per recimolare consensi e voto, ha proposto un contributo di solidarietà ai redditi alti (che è un surplus di tassa non una patrimoniale) qualche altro una patrimoniale.
    COme fa notare Giavazzi oggi sul corriere per ogni euro di prelievo forzoso, patrimoniale o simile ottnuto lo stato le perderebbe tre per crollo della domanda.
    Significa che alla crisi dell’Offerta (la sua struttura chiusa) segue una crisi della domanda perchè riapre ma non ci sta la propensione a spendere.
    La regione Sicilia questi soldi a fondo perduto (il famoso helicopter money) da dove li dovrebbe prelevare? Io sarei anche d’accordo perchè il settore turistico in Italia è il 10% del PIL …solo che sarà l’ultimo a ripartire perchè non so quanta gente oggi si senta sicura di andare in luoghi di interazione.
    Soluzioni…quantomeno la sospensione delle imposte per aziende poste in “naftalina” …poi un’altra idea è implementare il layout dei locali (rinunciando a un po’ di coperti) e implementando per esempio il documento INAIL di valutazione del rischio COVID e …puntare sulla voglia di uscire della popolazione. con iniziative ad hoc. Un’altra soluzione è che il pagamento di PA e grandi aziende avvenga con una percentuale di stipendio con voucher elettronico da spendere …a scadenza.
    COsì è spesa che va a PIL …nell’immediato ci sarà da stringere i denti
    perchè se per ora i media ci hanno martellato con i conto dei morti, la crisi economica che arriverà è decisamente più forte di quella del 2008 e del 2011. Domani capiremo se l’UE ci mollerà al nostro destino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.